Moto d’acqua

Kawasaki ha presentato la STX160, nelle tre versioni 160, 160X e 160LX. Si tratta di una moto da 1498 cc con un elevato comfort di guida, una grande capacità di carico e con un serbatoio da 78 litri che garantisce molta autonomia. Le caratteristiche distintive sono la piattaforma posteriore più grande rispetto alla già nota STX-15F (nella versione LX dotata anche di un tappetino deck bicolore), un impianto audio integrato con tecnologia Bluetooth, due portabicchieri, l’immobilizer di serie con la chiave che garantisce sicurezza in quanto si interfaccia direttamente con la ECU. La portata è di 3 persone.

Yamaha SuperJet

Yamaha SuperJet

La grande novità di Yamaha è la SuperJet, moto d’acqua stand-up super sportiva, non tanto per le prestazioni di velocità massima, quanto per la leggerezza e la manovrabilità che permettono evoluzioni di ogni tipo (leggi la Prova in Mare cliccando qui).

A differenza del modello precedente, l’uso della SuperJet è consentito in acque libere e non solo nelle gare o sugli specchi d’acqua dedicati. Il motore è un 3 cilindri a 4 tempi.

In “L Mode”, la centralina elettronica ne limita l’esuberanza, facilitando la presa di confidenza da parte di chi non è particolarmente esperto, così come la possibilità di modificare l’altezza del piantone dello sterzo e la sua escursione massima consente di adattare la moto al proprio stile di guida. Una serie di adesivi extra permette di personalizzare la livrea.