Vertical Tuna

Tra gli obiettivi del vertical jigging non poteva mancare il gigante del Mediterraneo, ma se per gli altri predatori la strada è stata relativamente facile, per il tonno rosso le cose cambiano radicalmente

Vertical Tuna

Tra gli obiettivi del vertical jigging non poteva mancare il gigante del Mediterraneo, ma se per gli altri predatori la strada è stata relativamente facile, per il tonno rosso le cose cambiano radicalmente.

Vertical TunaIl jigging è bello anche perché dinamico, si pesca cercando il pesce con lo scandaglio oppure tentando varie calate in punti noti in cui si presuppone i predatori prima o poi passino. Lo strike è sempre una bella sorpresa, ma se dopo il blocco dell’esca si avverte un treno che tira dall’altra parte, senza nessuna possibilità di fermarlo, la sorpresa diventa amara, molto amara. L’attrezzatura inadeguata, e nonostante gli sforzi per cercare di averne ragione, il tonno gigante non lascia chance: rompe. Questo accade quando si sta pescando senza avere il minimo sospetto dell’avversario che si può incontrare, spesso in situazioni in cui tutto ci si aspetta meno il tonno, ma la tecnica, le attrezzature e soprattutto l’esperienza sono andate avanti e questo nobile avversario è stato parzialmente domato. Le prime esperienze si possono fare con i tonni di branco mentre si traina in altura. I pesci insidiati sono alla portata di tutti, anche se un tonno in canna è sempre un avversario di tutto rispetto. Attaccano preferibilmente jig corti sul blu o azzurro, meglio se con livree specchianti. Artificiali che in qualche modo per colore e dimensioni ricordino le sardine. Prediligono il long jerk, ma non disdegnano qualsiasi altro recupero, anche con strattoni disordinati. Queste sono le situazioni ideali per prendere confidenza con questi pesci, stando comunque molto attenti ai collegamenti tra multifibre e nylon e tra nylon e assist. Anche se stiamo parlando di tonni che non hanno ancora raggiunto le caratteristiche performanti della specie, la loro potenza e la velocità nelle fughe non è comunque da sottovalutare.

Vertical TunaÈ consigliabile usare canne di buona qualità, abbinate a mulinelli che contengano almeno 250 metri di multifibre da 50 libbre, con il freno regolato tra i 3 e i 5 chili. Passando ai tonni intermedi, il confronto a vertical jigging con un pesce tra i 40 e i 60 chili di peso, può già essere considerato un passo importante nell’evoluzione di questa tecnica, per noi che non abbiamo ancora superato la fase neofita. Dire di andare a vertical a tonni può essere considerato un eufemismo, ma ci sono alcune situazioni in cui è possibile tentare. A parte alcuni corridoi o aree circoscritte (gabbie di allevamento per i tonni, piattaforme ecc.) in cui passano obbligatoriamente e nelle quali è possibile incontrarli con frequenza, la condizione migliore per tentare il colpaccio è durante la pesca in drifting. La prima fuga del tonno è quasi interminabile, parte in una direzione, ma senza il minimo preavviso la cambia passando sotto la barca. La cosa migliore da fare è quella di accendere la barca e cercare di seguire la lenza. Appena fermatosi dalla prima fuga, o ne esegue una seconda oppure si pianta a 60-70 metri di profondità e nuota. In questa fase inizia il combattimento vero e proprio, caratterizzato da recuperi e brevi fughe, ma sempre con il peso granitico del pesce, tipico della specie.

Vertical Tuna

Ovviamente stiamo parlando di una preda che è in grado di mettere a dura prova tutto il complesso pescante. Canna e mulinello devono essere adeguati. La canna idonea a poter pescare con la frizione tarata ad almeno 6-7 chili e con una riserva di potenza in grado di sollevare il grande peso verso la superficie. Il mulinello deve contenere almeno 300 metri di multifibre da 50 libbre e possedere una meccanica eccellente. La scelta del libbraggio del multifibre, può tranquillamente orientarsi sulle 50 libbre, in quanto pescando con un freno tarato tra i 5 e gli 8 chilogrammi, avere un carico di rottura della lenza pari a 25 chilogrammiè più che sufficiente. Il terminale può essere compreso tra le 60 e le 100 libbre, obbligatoriamente di fluorcarbon.

sull'autore

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.