Pensata per essere il tender di un grande yacht, questo 25 piedi a propulsione completamente elettrica, in realtà, può avere molti altri utilizzi: da veloce daycruiser per brevi escursioni a sport fìsherman, da dive boat a barca per il trasporto dei toys.

Ma, soprattutto, per avere tutte queste barche non serve cambiare barca! Infatti, grazie alla estrema semplicità degli interni ed alla modularità delle sue sedute che possono essere movimentate su due rotaie, è possibile trasformare completamente il pozzetto del DutchCraft 25 adattandolo alle più diverse esigenze.

Addirittura, è possibile farlo diventare grande abbastanza per trasportare i toys di bordo e, persino, una piccola automobile.

Tutto ciò anche grazie alla scelta della propulsione full electric che consente di evitare una reale sala macchine e libera un sacco di spazio, versatile e senza vincoli, in coperta.

Ma partiamo dall’inizio. Presentato allo scorso salone di Düsseldorf, DutchCraft 25 è prodotto dall’omonimo cantiere olandese fondato da Sietse Koopmans, proprietario anche di Zeelander Yachts.

Costruita interamente in fibra di carbonio, è una barca che si fa notare anche da lontano per il suo design open ma con alte murate, in linea con le ultime tendenze in fatto di barche “minimal” e con quanto già visto con il DC56, il primo modello di questo nuovo brand di yacht divertenti e polivalenti presentato lo scorso autunno. Non passa poi inosservata la sua prua apribile che diventa una passerella per scendere direttamente sulla spiaggia. Una soluzione decisamente unica.

A queste caratteristiche estetiche e funzionali è stata abbinata una carena a V con un angolo di rialzamento del fondo moderato, sia per limitare il pescaggio che per garantire buone performance.

Soprattutto, è stata scelta ed abbinata la propulsione elettrica che, come detto, ha permesso di rendere disponibile molto spazio, gestibile senza i condizionamenti di una normale propulsione con motore termico che, oltre ad essere più ingombrante, è necessariamente connesso ad una serie di altri impianti ed elementi (linea d’asse, impianto di raffreddamento etc.) che hanno delle posizioni vincolate e vincolanti.

Il pacco batterie, ad esempio, è alloggiato a centro barca, sotto il piano di calpestio, e fornisce fino a 134 kWh, mentre la potenza continua è di 100 kWh: quanto basta per spingere il DC25 alla velocità massima di 32 nodi con un’autonomia di 75 minuti. Scendendo a 6 nodi, invece, si può navigare ininterrottamente fino a 6 ore.

Tra le altre peculiarità di questa barca, di cui è in progettazione anche una versione limousine, ci sono l’hardtop abbattibile per facilitare lo stivaggio nel garage ed una paratia poppiera che si trasforma facilmente in una piattaforma da bagno per l’accesso all’acqua.
Unico neo il prezzo, che la DutchCraft ha comunicato partire da € 275.000. Non proprio per tutte le tasche!
Per maggiori informazioni: www.dutchcraft.com

Scheda tecnica del DutchCraft 25

  • Lunghezza f.t.: m 8,04
  • Lunghezza f.t.: m 7,30
  • Larghezza: m 2,38
  • Immersione: m 0,82
  • Batteria standard: kWh 89
  • Batteria opzionale: kWh 134
  • Potenza di picco (20 sec): kW I35
  • Potenza continuativa: kW I00
  • Velocità massima: 32 nodi
  • Autonomia a 6 nodi: fìno a 6 ore
  • Portata persone: 12
  • Materiale di costruzione: fibra di carbonio.