Cantiere Tornado: dallo storico 38 piedi al New Edition

La Storia dei Cantieri Tornado

Il cantiere Tornado nasce nel 1968 grazie all’idea del veterano delle corse offshore Carlo Marchiolo, appassionato della velocità, costruisce il suo primo motoscafo da 35 piedi ispirato alle linee dei Cigarette americani.

Il Tornado 35 è subito un trionfo, grazie alla vittoria del campionato offshore classe 3 a cui segue, solo pochi mesi dopo, la conquista del Trofeo Wills con il pilota italiano Vincenzo Balestrieri al timone.

Il successo sui circuiti di corsa incoraggia Marchiolo a produrre barche destinate ad un pubblico alla ricerca di elevate prestazioni e comfort combinati in una linea classica senza fronzoli.

Nel 1977 entra a far parte del gruppo Tornado la creatività del noto designer Tom Fexas, a cui Tornado commissiona sei nuovi progetti.

La passione per le competizioni, continua ad essere motore trainante del Cantiere di Fiumicino, era il 1991 quando, a bordo di un Tornado 38’, Adriano Panatta vinse la Venezia – Montecarlo, affascinante gara Offshore che si aggiudicò nuovamente nel 1997 a bordo di un altro Tornado, il 45’. “

Nel 2007 nella proprietà e nella conduzione industriale del cantiere di Fiumicino subentra l’imprenditore romano Michele Prestipino. L’impegno del nuovo management si traduce nell’opera di “restyling” dei modelli che in questi 40 anni hanno decretato il successo sportivo e commerciale del marchio.

Tornado New Edition

Dopo un periodo di assenza motivato da vicissitudini direttamente o indirettamente legate alla crisi degli anni passati, il cantiere di Fiumicino è tornato alla ribalta durante il Salone di Genova 2016, quando una quantità di entusiasti si è raccolta di fronte al Tornado 38.

La nuova proprietà ha rilanciato il Tornado proponendo una completa rilettura di un progetto offshore tra i più riusciti e apprezzati della storia nautica recente.

Tecnici di questa operazione sono stati l’ingegnere Pier Luigi Mammocchi e l’architetto Luca Braguglia i quali, pur nel pieno rispetto dell’impostazione originaria, hanno introdotto quegli
elementi funzionali ed estetici che danno pieno significato alla definizione New Edition.

Il Tornado 38 New Edition si rifà allo storico e richiestissimo 38 piedi. E in cantiere si lavora a nuovi modelli con carene famose: un 45’ sportivo, progetto di Don Aronow, e un 50’, progetto di Francesco Guida, per il quale lo studio interno sta studiando soluzioni
innovative.

Non solo New Edition: personalizzazione, refit e il Club dei Tornadisti

Con la nuova produzione sono state introdotte molte novità: una prima di tutte, la possibilità di personalizzazione che va dalla modifica del numero delle cabine e delle loro misure, alla motorizzazione, al layout esterno.

Il Club dei Tornadisti è un altro progetto che la nuova proprietà ha ideato per mantenere un legame con lo storico passato del brand che va a riallacciarsi al richiestissimo servizio di refit dedicato a tutte le barche Tornado che navigano ancora nei nostri mari.

Di seguito potete trovare tutti gli articoli e le prove di navigazione pubblicate sulla rivista Nautica

Per ulteriori informazioni: Tornado Yachts,
Via degli Atlantici 26, 00121 Ostia Lido (Roma),
tel. 06 5411428; info@tornadoyachts.it;
www.tornadoyachts.it

sull'autore

Redazione site-in-site

Redazione site-in-site

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.