La patente nautica

Scritto da Ettore Romagnoli

Le patenti nautiche, vela e motore, entro e oltre 12 miglia, rilascio, rinnovo, esami, tutte le informazioni estratte dalla Guida del Diportista, con i documenti, le dotazioni di sicurezza, lo scadenzario, leggi, decreti e tutto quanto serve sapere per navigare tranquilli nei mari italiani

Articolo aggiornato al 04/04/2018

Il nuovo codice della Nautica, entrato in vigore lo scorso 18 febbraio 2018 presenta alcune importanti novità anche relativamente al conseguimento della patente per l’abilitazione e la conduzioni di imbarcazioni.

Patente nautica, quando è obbligatoria

Cambiano le regole per l’abilitazione alla conduzione.

La patente è obbligatoria quando la potenza del motore o complessiva dei motori supera i 30 kW (pari a 40,8 CV), o la cilindrata supera i 750 cc. se a carburazione o iniezione a due tempi, i 1.000 cc se a carburazione o iniezione a quattro tempi fuoribordo, 1.300 cc se a carburazione o iniezione a quattro tempi entrobordo, a 1.300 cc se diesel sovralimentato, o a 2.000 cc se diesel non sovralimentato, nonché quando la navigazione si svolge a una distanza superiore alle 6 miglia dalla costa.

  Nuova Tuccoli T280 FB  

Validità

La patente nautica ha una validità di 10 anni, e di 5 anni per coloro che superano di età i 60 anni. Il rinnovo, su richiesta del titolare, avviene presso il medesimo ufficio di rilascio o in uno degli uffici marittimi e provinciali della motorizzazione.

Quanto costa?

Per i privatisti costa tra i 400 e gli 800 euro mentre, iscrivendosi ad una scuola nautica, il prezzo sarà nettamente maggiore (fino anche a 1.500 euro).

Cosa rischia chi naviga senza patente nautica?

  • Guidare un’imbarcazione senza patente nautica (avendola conseguita ma dimenticandola di averla con se) comporta una sanzione da 50 euro a 500 euro.
  • Guidare senza aver mai conseguito la patente comporta una sanzione da 2.066 euro fino a 8.263 euro. La multa viene raddoppiata se l’imbarcazione in questione è una nave da diporto (oltre i 24 mt).

Le varie categorie

Le patenti nautiche sono di 3 categorie:

Categoria A: comando di natanti e imbarcazioni da diporto

  • entro le 12 miglia dalla costa
  • senza alcun limite dalla costa

Categoria B: comando di nave da diporto

Categoria C: direzione nautica di natanti e imbarcazioni da diporto

  • entro le 12 miglia dalla costa
  • senza alcun limite dalla costa

Le patenti nautiche di categoria A e C abilitano al comando di unità da diporto con propulsione sia a vela sia a motore; su specifica richiesta del neo patentato possono essere limitate al comando di unità solo a motore.

Conseguimento

L’accesso agli esami – che per la navigazione entro 12 miglia dalla costa possono avvenire anche presso gli Uffici provinciali della Motorizzazione Civile può avvenire con le seguenti modalità:

  • per quanto riguarda gli Uffici provinciali della Motorizzazione possono iscriversi i candidati residenti o domiciliati nella Provincia, in quella confinante o in altra ricompresa nella medesima Regione;
  • per gli Uffici marittimi possono iscriversi i candidati residenti o domiciliati in una delle provincie ricomprese nella giurisdizione territoriale della Direzione Marittima o nella Direzione Marittima confinante.

Le tariffe per l’ammissione agli esami ammontano a euro 20,00 per le abilitazioni di categoria A e C (imbarcazioni) e di euro 60,00 per quelle di categoria B (navi da diporto).

Patenti nautiche speciali

I portatori di handicap possono accedere alle patenti di categoria C che abilitano alla direzione di unità fino a 24 metri a bordo delle quali deve essere presente altra persona – anche se non patentata – di età non inferiore a 18 anni, in grado di svolgere le funzioni manuali necessarie alla conduzione del mezzo. L’unità deve essere munita di dispositivo elettronico in grado di consentire l’individuazione della persona e la disattivazione del pilota automatico e l’arresto dei motori in caso di caduta in mare.

Il nuovo Codice introduce una patente D “abilitazione speciale al comando di natanti e imbarcazioni da diporto”, che possono avere limitazioni relative alle caratteristiche dello scafo, alla potenza dei motori installati, ai limiti di navigazione, anche entro specifiche distanze dalla costa e alle condizioni meteomarine, anche conseguenti all’esito degli accertamenti medici di idoneità psichica e fisica in sede di rilascio o di convalida delle stesse, nonché all’utilizzo di specifici adattamenti.

Patente nautica per cittadini Stranieri o italiani residenti all’estero

Se in possesso di abilitazione rilasciata dallo Stato di appartenenza, possono comandare le unità da diporto di bandiera italiana entro i limiti dell’abilitazione posseduta. Per gli stranieri e gli italiani residenti all’estero che comandano unità iscritte in registri esteri, l’obbligo della patente è regolato dal Paese di bandiera.

I cittadini dei Paesi membri dell’Unione Europea non hanno l’obbligo di alcun titolo abilitante per comandare unità da diporto di bandiera italiana (navi, imbarcazioni e natanti) qualora siano muniti di una dichiarazione rilasciata dalle proprie autorità governative da cui risulti che la legislazione del Paese di appartenenza del soggetto o dello stato di bandiera dell’unità non prevede il rilascio di alcun titolo di abilitazione.

Patente nautica per Italiani su unità estere

Per i cittadini italiani, residenti in Italia, quando assumono il comando di unità estere sussiste l’obbligo della patente nautica quando navigano nelle acque territoriali nazionali.

Ti potrebbero interessare anche questi argomenti sul nuovo codice della Nautica italiana:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE