Adriatic Croatia International Club S.p.A, 22 marina sulla costa e sulle isole adriatiche in Croazia

Nautica Editrice
Scritto da Nautica Editrice

L’ Adriatic Croatia International Club è stato fondato il 1 luglio 1983 con la chiara visione di creare una catena di porti turistici sul litorale croato dell’Adriatico, basati su un’offerta standardizzata per il diportismo nautico di elevata qualità.

Nelle vicinanze delle maggiori città costiere, di piccole località isolane e nelle oasi di natura incontaminata le marine croate sono sorte, una dietro l’altra arricchendo e conservando il paesaggio.

La catena di 22 ACI marina di fascino mediterraneo, collocati lungo il pittoresco litorale croato, con la propria capillare diffusione geografica permette ai diportisti una navigazione tranquilla e un ormeggio sicuro, provvisto di tutti i servizi ad alto livello per gli equipaggi.

Oggi l’ACI è il più grande sistema di porti turistici del Mediterraneo e, naturalmente, la principale compagnia croata nel settore della nautica.

Durante la stagione nautica nei marina croati attraccano oltre 85.000 imbarcazioni con più di 450.000 visitatori.

L’azienda gestisce mediante concessione una superficie complessiva pari a 1.313.717,63 mq. Dispone di 6.111 posti barca, di cui 5.435 ormeggi in mare e 676 posti a terra, il che rappresenta il 27% delle capacità ricettive del turismo nautico croato.

banner-aci-croazia

Le Marine croate e l’ambiente

Da più di dieci anni l’ACI partecipa al progetto internazionale di tutela dell’ambiente naturale costiero e marino. In 10 dei suoi marina sventola il “Vessillo azzurro, riconoscimento per la sicurezza e per il mare pulito. Gli ACI marina partecipano regolarmente all’azione “Fiore turistico – qualità per la Croazia” e ogni anno qualcuno degli ACI marina viene premiato.

I porti turistici più importanti della catena Aci in Croazia

L’ACI possiede una flotta di 12 barche a vela da regata Jeanneau One Design 35, ormeggiate nell’ACI marina Cres;

Nel 2016 è stata costruito e inaugurato il nuovo ACI marina “Veljko Barbieri” a Slano vicino a Ragusa – Dubrovnik, l’investimento più importante nel sistema ACI negli ultimi 25 anni.

Già nei primi mesi di operatività il porto ha ottenuto risultati invidiabili. Il marina si estende su una superficie di 66.279 metri quadrati e può accogliere fino a 200 unità da diporto della lunghezza tra gli 11 e i 20 metri.

Durante i tre mesi estivi del 2016 nel marina c’erano già 92 imbarcazioni con contratto d’ormeggio annuale, mentre in transito sono state realizzate 1.500 giornate presenza.

Il nuovo ACI marina “Veljko Barbieri” a Slano è il punto di partenza ideale per andare alla scoperta dell’attraente arcipelago delle isole Elafiti e del litorale di Ragusa-Dubrovnik. Sempre nel 2016 sono stati rimessi a nuovo i ristoranti degli ACI marina Cres, Milna e Pomer e costruito quello dell’ACI marina a Slano.

Subito dopo l’apertura questi locali sono diventati la meta gastronomica preferita dei diportisti, buoni conoscitori della cucina mediterranea.

2017 un altro anno di progetti e investimenti per i Marina Croati

In base al piano per il 2017, l’ACI prevede di investire nel proprio sistema di marina circa 90 milioni di kune – pari a 12 milioni di euro.

La struttura degli investimenti negli ACI marina riguarda i seguenti segmenti:

  • Completa costruzione/ricostruzione della parte marina e terrestre dell’ACI marina a Rovigno entro l’inizio della stagione nautica 2018 che diventerà una volta ultimati i lavori, già in corso d’opera, il primo marina ACI certificato con 5 ancore;
  • Elaborazione della documentazione progettuale e ottenimento delle licenze di costruzione per l’ammodernamento e l’ampliamento degli ACI marina Opatija, Vodice, Piškera, Skradin, Trogir, Korčula, Dubrovnik;
  • Rinnovo o sostituzione dei pontili esistenti e dei moli fissi, risanamento/ricostruzione delle dighe esterne, perfezionamento dei sistemi di ancoraggio, manutenzione, ammodernamento o ricostruzione degli uffici di ricezione e dei nodi sanitari. Già nel 2016 si sono conclusi i lavori di totale ricostruzione della parte terrestre dell’ACI marina Pomer, mentre sono iniziati quelli di riedificazione e ampliamento del bacino delle gru nell’ACI marina Dubrovnik e di restauro dei moli in cemento armato e del sistema di forniture elettriche nell’ACI marina Vodice
  • Sistemazione paesaggistica;
  • Attrezzature tecnologiche (sviluppo della rete di videosorveglianza nei marina, migliorie al sistema informatico);
  • Investimenti nella manutenzione (revisione dei travel lift, delle gru…).

L’Adriatic Croatia International Club S.p.A e il patrimonio culturale

All’interno dell’ACI marina Dubrovnik si trova lo splendido palazzo della famiglia Sorgo – Sorkočević, per la cui ricostruzione e restauro l’ACI ha presentato con successo la richiesta di mezzi dai Fondi europei ottenendo 2,7 milioni di kune che serviranno alla preparazione della documentazione progettuale di restauro del patrimonio culturale.

Dopo la prima fase, l’ACI presenterà domanda ai Fondi europei anche per il restauro del Palazzo Sorgo – Sorkočević. Dopo il rinnovo del palazzo e del suo giardino, vi saranno organizzati nuovi eventi come il festival del Rinascimento, concerti, serate di poesia e altri avvenimenti culturali che arricchiranno l’offerta di questa destinazione turistica.

banner-aci-croazia

 

La Storia dell'Adriatic Croatia International Club S.p.A
L’impresa commerciale ACI S.p.A. ha iniziato la propria attività con la denominazione di Adriatic Club Yugoslavia Brijuni, ditta per il turismo nautico (in costituzione). Allora la denominazione abbreviata era ACY. L’azienda è stata fondata il 1 luglio 1983 con lo scopo di realizzare un vasto programma di sviluppo delle capacità ricettive del turismo nautico e dei servizi ausiliari sulla costa orientale dell’Adriatico.

Alla fine del 1991, ai tempi dell’acquisizione dell’indipendenza della Repubblica di Croazia, l’azienda cambiò nome per la prima volta in Adriatic Yacht Club Opatija. La denominazione abbreviata rimase ACY.

Il 24 giugno 1994, in seguito alla riconversione della proprietà sociale in privata, l’impresa fu registrata come società per azioni e cambiò denominazione per la seconda volta in Adriatic Croatia International Club S.p.A. Opatija, abbreviato in ACI S.p.A., nome tuttora vigente.

Nella fase iniziale di sviluppo dell’azienda furono costruiti e messi in servizio 16 porti turistici-marina completamente nuovi e precisamente quelli di: Umag, Rovinj, Pula, Pomer, Supetarska Draga, Rab, Žut, Piškera, Jezera, Vodice, Skradin, Trogir, Split, Milna, Vrboska e Palmižana. La conclusione dei lavori e la messa in funzione delle dette strutture è stata effettuata nel corso del 1984 e 1985, cosicché per la stagione turistica 1986 tutti questi marina erano pronti per fornire alla clientela la gamma essenziale di servizi nel campo della nautica, della ristorazione, del commercio e dell’assistenza tecnica.

Con lo scopo di promuovere e popolarizzare lo sport della vela, l’ACI fondò nel 1987 anche il proprio yachting club, oggi noto con il nome di Yacht Club Croatia (YCC). Uno dei progetti più importanti realizzato congiuntamente da ACI e YCC è la regata ACI Match Race Cup che si è tenuta regolarmente dal 1987 fino al 2013. Il campo di regata è cambiato nel corso degli anni cosicché l’ACI Match Race Cup si è svolto finora presso gli ACI marina di Rovigno, Ragusa-Dubrovnik, Umago e Spalato.

Nel 1988 fu costituita l’Adriatic Nautical Academy, l’accademia velica dell’ACI. Il fondatore dell’ACI Veljko Barbieri invitò il celebre skipper italiano Cino Ricci a concepire il programma e il metodo di lavoro della scuola, il cui compito primario era di promuovere lo sport della vela.

Sempre nello stesso anno con l’impresa Grassetto Nederland, Amsterdam, allora operante nell’ambito del gruppo Ligresti – Milano, fu stipulato un contratto in “joint-venture” della durata di 30 anni, grazie al quale furono costruiti gli ACI marina a Curzola e Abbazia. L’ACI marina Korčula entrò in funzione agli inizi della stagione turistica 1989, mentre l’ACI marina Opatija a Icici agli inizi di quella seguente.

Il 31 gennaio 1991 nella ditta ACY fu integrata l’azienda “Dubrovnik Marina” Komolac-Dubrovnik, con tutti gli impianti, i servizi e i dipendenti.

La conversione proprietaria da azienda sociale in società commerciale per azioni si concluse il 24 giugno 1994. Fu formata una società per azioni nella quale le quote proprietarie erano detenute dall’INA-Industria petrolifera S.p.A. Zagabria, dall’impresa Grassetto Nederland di Amsterdam, dal Fondo croato per la privatizzazione e da un gruppo di piccoli azionisti, in larga maggioranza dipendenti dell’ACI S.p.A.
Il 25 luglio 1994 nel sistema di porti turistici di ACI S.p.A. furono inclusi ancora due marina: il marina Cres (isola di Cherso) e il marina Šimuni (isola di Pago) che fino allora avevano operato nell’ambito dell’impresa Marina Cres s.r.l. di proprietà dell’INA-Industria petrolifera S.p.A. Zagabria.

Durante il 1994 e il 1995, ma soprattutto nel 1996, ACI S.p.A. ha limitato la propria attività alla ristretta offerta di servizi nel turismo nautico (noleggio di ormeggi) e a qualche altro esercizio complementare, affidando in concessione ad altri soggetti giuridici le prestazioni come la ristorazione, i negozi commerciali, il noleggio dei natanti e la scuola di vela.

Nel maggio del 1996 l’allora azionista di maggioranza INA-Industria petrolifera S.p.A. Zagabria acquistò il pacchetto azionario dell’impresa Grassetto Nederland, Amsterdam.
Agli inizi del 1997 l’INA-Industria petrolifera S.p.A. Zagabria cedette il pacchetto di azioni che deteneva nell’ACI S.p.A. all’Agenzia di stato per l’assicurazione dei depositi di risparmio e il risanamento delle banche.

La struttura azionaria aggiornata di ACI S.p.A. può essere verificata sulle pagine della Società centrale per i depositi in clearing (www.skdd.hr).

Nel periodo 2002 – 2008 l’ACI ha reintrodotto nell’ACI marina Trogir la sua base di charter con dieci barche a vela del tipo Elan.

Dopo i lunghi 24 anni, in autunno 2014 è stato dato il via ai lavori di costruzione del nuovo ACI marina “Veljko Barbieri” a Slano nelle vicinanze di Dubrovnik. Il nuovissimo ACI marina ha aperto il 3 agosto 2016.

Da allora fino ad oggi il sistema ACI conta 22 porti turistici-marina.

Promozioni 2017
Offerte e vantaggi

La prestigiosa catena ACI marina – con 22 marina disposti lungo la bellissima costa croata con le sue meravigliose isole – ha preparato per il 2017 una ricca serie di offerte e vantaggi per i diportisti che vorranno navigare in Croazia.

Si parte con le promozioni per l’ormeggio annuale. Gli ACI marina Cres, Supertarska Draga, Milna e Vrboska offrono il 15% di sconto sul prezzo dell’ormeggio annuale per il primo anno di contratto ai clienti che per la prima volta entrano a far parte del sistema ACI, e nel prezzo annuale per l’ACI marina Cres sono incluse anche 2 operazioni con la gru o con il travel lift.

Chi stipula un Contratto d’ormeggio annuale in uno qualsiasi dei marina ACI, oppure un Contratto d’ormeggio della durata di nove mesi nel marina ACI Skradin diventa inoltre titolare della tessera di socio ACI – ACI Card, godendo di ulteriori interessanti vantaggi, quali:

  • 50% di sconto sull’ormeggio giornaliero negli ACI marina Umag e Opatija
  • 30% di sconto sull’ormeggio giornaliero nell’ACI marina Simuni
  • 20% di sconto sull’ormeggio giornaliero in tutti gli altri ACI marina.

Offerte ad hoc anche per chi semplicemente naviga in acque croate: si può fruire sia del terzo giorno gratuito presso l’ACI marina Cres dopo due giornate consecutive di ormeggio pagato, sia della possibilità di godersi una giornata in più nello splendido arcipelago delle Incoronate (Isole Kornati) approfittando della formula 1 + 1 = 1 giorno gratis di ormeggio, oppure 2 + 1 giorno gratis di ormeggio, per giornate consecutive, offerto dagli ACI marina Žut e/o Piškera.

ACI marina ha pensato anche ai buongustai che negli ACI Gourmet possono assaporare una eccellente cucina nei nuovi ristoranti glamour:

  • Sopravento nell’ACI marina Pomer
  • Mistral nell’ACI marina Cres
  • Navigare nell’ACI marina Milna
  • Perast nell’ACI marina Slano

ACI on line Booking

Completa la panoramica sulle novità del 2017, la possibilità di prenotare il proprio ormeggio in modo semplice e veloce con l’ACI on line Booking (https://book.aci-club.hr) utilizzando anche un semplice smarthphone o qualsiasi altro tipo di device. Il pagamento si può effettuare con le principali carte di credito (Visa, Mastercard, Maestro, American Express).

Info: aci@aci-club.hr; ww.aci-marinas.com

Sito web ufficiale di ACI S.p.A.: www.aci-marinas.com

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.