Porto di Pantelleria, 18 agosto 2021. Il sole è sorto da poco e una famiglia francese di velisti - mamma, papà e due bambine – sta armando il suo sloop di 15 metri. Il cielo è poco nuvoloso, il barometro indica 1015 millibar e un buon vento da Sud, tra i 15 e i 20 nodi, sembra propizio alla realizzazione del programma di giornata: raggiungere Marsala prima che faccia buio. Lo skipper traccia la rotta diretta sul plotter: sono 62 miglia per 22 gradi, probabilmente tutte da percorrere al gran lasco, senza troppe manovre. Alle 8 in punto, la barca esce in mare. barca a vela Ore 20 circa. Tutte le previsioni si sono avverate puntualmente e ora, dopo 12 ore di navigazione alla media di 5 nodi, il porto di Marsala è ben in vista. È il momento di ammainare le vele e procedere a motore fino all’ormeggio. Mentre l’equipaggio incomincia a calare la randa e ad avvolgere il fiocco, lo skipper gira la chiavetta del Diesel Perkins da 15 HP: l’entrobordo va subito in moto ma, dopo aver buttato fuori un’intensa nube di fumo bianco, si spegne. Come non detto: vele di nuovo a riva e navigazione fino a un punto di ancoraggio esterno al porto. Meglio aspettare l’indomani per affrontare il problema con più calma e, magari, con meno vento.

Leggi tutto l'articolo Abbonati

Per leggere l'articolo acquista un abbonamento a Nautica Online