Prezioso riconoscimento e nuove opportunità di sviluppo per il tradizionale sistema di cattura a mano, ancora praticato dai pescatori delle isole Kerkennah. Nell’ultima sessione del 2020, la commissione Unesco ha promosso a patrimonio immateriale dell’umanità un sistema di pesca tradizionale, ancora praticato in Tunisia, alle isole Kerkennah. È la cosiddetta “charfia” (o “charfiya”), una tecnica di cattura passiva su bassi fondali, che sfrutta i movimenti marini e impiega materiali naturali per la sua tipica costruzione. pesca sostenibile

Leggi tutto l'articolo

Abbonati



Per leggere l'articolo acquista un abbonamento a Nautica Online