Rubrica Ambiente e mare Nautica n.542 del 06/2007

Numero 542 di Ambiente Mare, le notizie dai mari del globo a cura di Eleonora De Sabata, tratte dall’archivio della rubrica mensile della rivista Nautica

Rubrica Ambiente e mare Nautica n.542 del 06/2007

FAO PREOCCUPATA PER LE SPECIE D’ALTO MARE

– L’ultimo rapporto della FAO sullo stato della pesca e dell’acquacoltura mondiale, pubblicato in primavera, esprime grave preoccupazione per lo stato delle specie migratrici e d’alto mare. Un quarto degli stock analizzati risultano sovrasfruttati (il 17%), depauperati (7%) o in recupero (1%). Numeri rimasti più o meno stabili negli ultimi 15 anni, ma destano gravi preoccupazioni le specie d’alto mare. Più della metà degli stock di squali migratori e il 66% delle specie d’alto mare sono classificate come sovrasfruttati o depauperati: nell’elenco compaiono il merluzzo atlantico, il tonno rosso, l’halibut, l’orange roughy (una specie abissale) e lo squalo elefante. www.fao.org/fi

8 GIUGNO: LA GIORNATA MONDIALE DEGLI OCEANI

– Si celebra questo mese la giornata mondiale degli oceani, creata nel 1992 durante l’Earth Summit di Rio de Janeiro. Pur non essendo stata ancora designata ufficialmente dalle Nazioni Unite, questa data segna un appuntamento particolare per celebrare gli oceani del mondo. Molte le iniziative dagli appassionati di mare, da consultare sul sito ufficiale: www.theoceanproject.org/wod

LA GUARDIA COSTIERA PER LA TUTELA DEL MARE

– L’Operazione “Albatros” e l’attività antispadare: un aprile intenso per uomini e donne della Guardia Costiera. La complessa operazione Albatros ha coinvolto per tre giorni 3.500 uomini, 300 mezzi aeronavali e 750 mezzi terrestri per la tutela del mare e la massima sicurezza per gli italiani. Gli uomini della Guardia Costiera hanno così effettuato verifiche su tutta l’attività di pesca, sul demanio marittimo, l’ambiente marino, la sicurezza delle navi, dei passeggeri e i porti turistici. I numeri per la pesca: 2.843 pescherecci, 4.064 punti vendita e 1.270 ristoranti controllati. I risultati: contestati 427 illeciti amministrativi, sequestrati più di quattro quintali di prodotti ittici e oltre 200 tonnellate di frutti di mare, quasi tutti nella zona di Napoli. Tre pescherecci siciliani sono stati poi fermati a 20 miglia da Acireale mentre pescavano con le spadare, attrezzi di pesca messi al bando dall’UE per le stragi di cetacei, squali e tartarughe che compiono. Sequestrati 30 chilometri di reti illegali e denunciate tre persone in un’area particolarmente importante per il passaggio di centinaia di capodogli, segnalati dal Centro Ricerche Bioacustiche di Pavia nell’ambito di uno studio sui neutrini volto alla maggiore conoscenza dell’Universo. www.guardiacostiera.it

IL SANTUARIO DEI CETACEI HA TROVATO CASA

– È lo splendido Palazzo Ducale di Genova la sede del Segretariato Permanente del Santuario dei Cetacei, l’immensa area che si estende dalla Francia alle coste toscane, abbracciando la Corsica e parte della Sardegna. Banchi di centinaia, se non addirittura migliaia di piccole stenelle; famiglie di tursiopi, capodogli solitari e placide balene convergono qui ogni estate attirati da sciami immensi di gamberetti che si addensano in profondità. Ed è proprio per custodire una tale straordinaria ricchezza di biodiversità che Italia, Francia e Principato di Monaco si sono impegnati a proteggere i mammiferi marini e il loro habitat, riducendo i pericoli e gli elementi di disturbo. “Dopo l’accordo definitivo e le Conferenze Straordinarie delle parti Contraenti del 2004 e 2005 durante le quali è stato approvato il Piano di Gestione per il Santuario – ha detto Simone Panigada, vicepresidente di Tethys, l’Istituto di ricerca promotore del Santuario – questo incontro arriva a conferma dell’impegno dell’Italia nei confronti di Pelagos. Adesso che la parte di coordinamento è completata – ha aggiunto – i tempi sono maturi per l’attuazione di concrete misure di tutela per salvaguardare balene e delfini”. www.tethys.org

L’ESTINZIONE DELLE SPECIE ALTERA L’EQUILIBRIO CHIMICO DELL’ECOSISTEMA

– Gli ecosistemi sono sistemi così ramificati e interconnessi che è davvero difficile riuscire a isolare le conseguenze dirette dell’estinzione di una singola specie. Uno studio della Cornell University ha però evidenziato, grazie a simulazioni al computer, come la scomparsa di una specie di pesce d’acqua dolce alteri la disponibilità di alcuni nutrienti fondamentali per la sopravvivenza di altre specie. Le alghe, ad esempio, che sono alla base della rete alimentare, hanno bisogno dell’azoto e del fosforo che i pesci, con i loro rifiuti, rimettono in circolo nell’ambiente. Lo studio dimostra come la pesca eccessiva di una singola specie, che rappresenta solo il 20% delle specie presenti ma che gioca un ruolo fondamentale nel ricircolo dei nutrienti, di cui produce il 50% del totale, possa mettere in pericolo tutto l’ecosistema. www.news.cornell.edu/stories/Feb07/FishExtinctions.kr.html

SOTT’ACQUA PER… “RIPOSARE”

– L’idea non poteva che essere americana: un luogo di riposo eterno – un cimitero, per intenderci – sul fondo del mare. Si tratta l’Atlantis Reef Project, che verrà costruito a Miami, Florida, e avrà le sembianze di Atlantide. Il progetto, secondo le intenzioni dei promotori, diventerà non solo il luogo dove poter disperdere le proprie ceneri, ma anche il reef artificiale più esteso e curato al mondo e un punto d’immersione per i sub. Come recita il sito web del progetto: “col tempo, la vita marina rivestirà Atlantide e la città sommersa si trasformerà in un giardino marino vivente che avvolgerà le vostre memorie per sempre”. www.atlantisreefproject.com/about.htm

Gli altri articoli disponibili in linea
Anno 

 Gen

 Feb

 Mar

 Apr

 Mag

 Giu

 Lug

 Ago

 Set

 Ott

 Nov

 Dic

1997 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428
1998 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440
1999 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452
2000 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464
2001 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476
2002 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488
2003 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500
2004 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512
2005 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524
2006 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536
2007 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548
2008 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560
2009 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572
2010 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584
2011 585 586 587 588 589 590 591 592 593 594 595 596
2012 597 598 599 600 601 602 603

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.