Terzo giorno del Campionato Europeo della classe olimpica 470, che si svolge presso il Marina degli Aregai con l’organizzazione dello Yacht Club Sanremo.
Dopo un’attesa durata diverse ore, il vento è finalmente arrivato e intorno alle 18, il Comitato di Regata ha potuto lanciare una prova, sia per i due gruppi maschili e misto che per la flotta femminile. Tutti hanno concluso velocemente sul percorso trapezoidale in poco più di 40 minuti.

La prova odierna ha contribuito a definire meglio la classifica provvisoria, concludendo anche la fase di qualificazione per gli uomini. Passano alla fase finale tutti gli equipaggi, che vengono suddivisi in due flotte Gold e Silver con i primi 35 che da domani si giocheranno un posto nella medal race finale di martedì, riservata ai primi dieci.

La vittoria di giornata è andata ai campioni europei in carica, gli svedesi Anton Dahlberg e Fredrik Bergstrom, che hanno preceduto i campioni australiani Mathew Belcher e Will Ryan che restano saldamente in testa alla classifica Open grazie al percorso netto della prima giornata. Malgrado un dodicesimo parziale, gli austriaci David Bargehr e Lukas Maehr rimangono terzi, a pari punti con gli svedesi. Migliori degli italiani oggi Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò (Marina Militare), che con un settimo parziale guadagnano qualche posizione riavvicinandosi ai connazionali Matteo Capurro e Matteo Puppo (Yacht Club Italiano), che oggi scartano un sedicesimo. I due equipaggi italiani si trovano ora in diciottesima e ventesima piazza.

Fra le donne la vittoria nella quarta regata della serie è andata alle polacche Agnieszka Skrzpulec e Jolanda Ogar, che recuperano qualche posizione nella generale che è ora guidata dalle israeliane Gil Cohen e Noha Lasry, oggi seconde e dalle britanniche Hannah Mills e Eilidh McIntyre. Terze, grazie a prove molto continue, le francesi Camille Lecointre e Aloise Retornaz. Testa a testa fra i due equipaggi italiani nella generale in undicesima e dodicesima posizione, con Elena Berta e Bianca Caruso (CS Aeronautica Militare/GS Marina Militare) e Benedetta di Salle e Alessandra Dubbini (Marina Militare/SV Guardia di Finanza), oggi rispettivamente decime e undicesime.

Pietro Zucchetti:
“Devo dire che il comitato ha fatto un ottimo lavoro aspettando fino a tardi l’ingresso del vento e riuscendo a  farci disputare una prova corsa in belle condizioni. Le condizioni di queste prime regate sono state abbastanza simili e complicate con un campo di regata tecnico che non permetteva grandi recuperi. Ferrari e Calabrò penso possano migliorare ancora con queste condizioni di vento medio-forte, siamo dispiaciuti di questo ma ci stiamo lavorando tanto e bisogna avere pazienza perché penso abbiano i numeri per poter fare bene. Capurro e Puppo hanno regatato bene e le classifiche sono ancora molto corte, da domani le classifiche inizieranno ad allungarsi e bisognerà rimanere molto concentrati. Le ragazze secondo me pagano un po’ delle partenze dove non sono troppo convinte e su un campo di regata come questo recuperare diventa complicato, comunque sono lì e mancano ancora molte regate. Domani danno vento forte e speriamo di recuperare un po’ di posizioni”

Domani, domenica 12 maggio, il primo segnale è previsto per le ore 11, le previsioni meteo indicano un vento piuttosto intenso da est/nordest.

Le classifiche sono disponibili  sul sito ufficiale dell’evento www.2019europeans.470.org