La Carica dei 111 è Pronta per il Mondiale Melges24 2006 a Hyeres!

Si terra a Hyeres, dal 27 agosto al 01 sep tembre, il Campionato Mondiale Melges24 del 2006. Alla prima scadenza pre campionato, ovvero la chiusura delle preiscrizioni, la lista è di 111 barche, da quattordici paesi. Non è ovviamente il numero definitivo, quasi certamente destinato a crescere e raggiungere davvero il tanto mormorato 120. Ma è più che sufficiente per farci pregustare, a poco più di tre sep timane dal via, un gran mondiale.  Nell’albo d’oro dei campionati mondiali figurano due italiani, Giorgio Zuccoli nel 2000 e Flavio Favini nel 2001. Il campione in carica, James Spithill, non è ancora iscritto, ma è molto atteso, e si mormora che altri velisti dell’America’s Cup saranno ingaggiati all’ultimo, per un mondiale che si annuncia fin d’ora come uno dei più combattuti e ad alto livello mai disputati sul nostro continente. Dopo tre giorni di warm up, gli oltre cento Melges24 regateranno da domenica a venerdì per 6 giorni. Il numero di barche iscritte comporterà la divisione della flotta in batterie e renderà più difficile la strategia di regata e il controllo degli avversari, e un po’ meno chiara, almeno i primi giorni, l’interpretazione dei risultati. I più numerosi sono i padroni di casa francesi, con 30 equipaggi, a seguire la flotta italiana, con 28 pre-iscritti. A difendere vittorie e piazzamenti in prestigiose regate internazionali ci sono le imbarcazioni Alina-Helly Hansen, Bete, Altea, F.lli Giacomel, Sherekhan, timonate rispettivamente da Luca Valerio, Nico Celon, Andrea Racchelli, Riccardo Simoneschi, Paolo Cian. Manca al momento il team di Joe Fly, detentore del titolo Europeo con Gabrio Zandonà al timone, e manca anche un altro grande talento italiano, Gabriele Benussi, secondo al mondiale 2005. Fra gli stranieri, molti dei più forti sono ormai volti conosciuti sui campi di regata italiani: dei 95 equipaggi che hanno partecipato al circuito italiano Volvo Cup 2006, ben 37 sono stranieri, fra francesi, tedeschi, inglesi, austriaci e svizzeri. Due sono riusciti a conquistare il podio del circuito, Partner&Partner (FRA) e Team Barbarians (GBR), gli altri molti ottimi piazzamenti nelle singole tappe. Attratti dall’idea di un ottimo allenamento per il mondiale, con tante barche e un ottimo livello, ma anche, a detta di alcuni, dal “miglior circuito di Melges24 che si possa immaginare”. E con l’assegnazione del Mondiale 2008 all’Italia, presso lo Yacht Club Costa Smeralda a Porto Cervo, sono ottime le chance di continuare ad avere un circuito di livello internazionale, ma con organizzazione 100% italiana, anche per i prossimi anni. Tornando al mondiale di Hyeres, fra gli italiani ci sono, oltre ai professionisti che gli equipaggi amatoriali, che nel circuito italiano godono di un’attenzione particolare, essendo a loro riservata la categoria Corinthian. La battuta “Dobbiamo tutelarli come i panda” è ormai diventata un imperativo. Conte of Florence, Eta Beta_Naftalina e Sudomagodo, sul podio del circuito nazionale, se la dovranno vedere con nomi del calibro dell’olimpionico Alba Batzill, per il titolo mondiale Corinthian,conquistato nel 2003 da un italiano, Egidio Babbi. La classe Melges24, costruiti in stretta monotipia, conta quasi sep tecento unità, di cui cinquantasette iscritte alla Classe Italiana. Fra le nazioni rappresentate in questo mondiale anche Belgio, Repubblica Ceca, Ucraina ed Estonia, segno di crescita ed espansione per la classe. Dovrebbe esserci, come portacolori della Slovenia, un altro team quasi italiano, quello capitanato da Mitja Kosmina su Computer Discount. Solo tre gli americani, ma sono nomi importanti: Dave Ulmann, Stephen Pugh e Brian Porter. Aggiornamenti quotidiani saranno disponibili sul sito della classe www.melges24.it.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.