Tutti i Campioni della Children e dei Cento Games

TUTTI I RISULTATI ED I VINCITORI DELLA CHILDRENWINDCUP E DEI “CENTO GAMES-MILANO 2015” In acqua quasi 60 scafi, dai piccoli O’Pen Bic ai cabinati condotti da campioni come Cecco Bruni (primo con Dj Francesco), Pelaschier e Torboli, l’Asso 99 di “007 Quantum”, i rappresentati di Regione Lombardia, Provincia di Brescia e Riviera dei Limoni. BOGLIACO DI GARGNANO – ” 2° Childrenwindcup” e “Cento Games-Milano 2015” due regate, un grande successo per la vela del lago di Garda e del Circolo Vela Gargnano in quella che è stata l’ultima festa della sua lunga estate. C’erano tutti i protagonisti di questo 2008, dal produttore del film di “007 Quantum” Guido Cerasuolo (pellicola che sarà in tutte le sale del mondo dal prossimo 7 novembre) ai rappresentanti della Riviera dei Limoni (con alla testa il presidente Chicco Risatti), alle istituzioni con Regione (il vice presidente del consiglio Enzo Lucchini) e Provincia di Brescia (il presidente Alberto Cavalli, ai Comuni dell’area della Riviera, a velisti famosi e non famosi. Due giorni di gare, di sport, di grande solidarietà con ospiti d’eccezione i piccoli dell’Ospedale dei Bambini di Brescia, il reparto di Oncoematologia diretto dal dottor Fulvio Porta. A fare da regia c’erano l’Associazione Bambino Emopatico, gruppo attivo dal lontano 1981, gli stessi Spedali Civili di Brescia, e, per la parte sportivo-velica, il Circolo Vela Gargnano. Un mix che ha funzionato alla perfezione, una brezza ideale per regatare e veleggiare in tutta tranquillità assistiti da tutti gli operatori che lavorano nell’ambito del soccorso marino-lacustre, dai Carabinieri alla Guardia di Finanza, dalla Polizia di Stato alla Guardia Costiera, dal 118 che è approdato sulle rive con una spettacolare manovra aerea del suo elicottero, i rappresentanti del 6′ Stormo di Ghedi dei Diavoli Rossi dell’Aeronautica. Le scuole veliche di Gargnano e dell’Associazione Nautica Sebina di Sulzano hanno portato le loro flotte di Optimist ed “O’ Pen Bic”. In gara c’erano i sebini Marco Bucalossi, Carlotta e Martina Cestari, Laura, Marzia e Lorenzo Bendoni, Davide e Mattia Chincoli, Margherita Porro, Beatrice Venerandi, Michele Vezzoli, Federico Scanzi e Filippo Quarenghi, accompagnati da Laura Pennati. I “mini skipper” gargnanesi erano Loris Samarati, Giuseppe Ginepro, Marco Collini, Gianluca Virgenti, Vittorio e Guido Gallinaro, Matteo Martinelli, Martina Cappuccini, Andrea Dell’Ora, Gianluca Giambarda e Lucio Andreoli con gli allenatori Mara Trimelloni e Carlo Ballarini. Nella regata della “Children” il primo posto assoluto è andato a “Mediatel” che lo skipper della Fraglia Desenzano, Paolo Masserdotti, ha affidato a Dj Francesco, il simpatico conduttore e cantante, già protagonista all’Isola dei Famosi ed a “X Factor”, oltre ad aver partecipato a Sanremo con suo padre, il leggendario Roby Facchinetti dei Pooh. A completare l’equipaggio c’era poi Francesco Bruni, il timoniere palermitano un palmares di 3 Olimpiadi, due Coppa America come stratega di “Luna Rossa”. Seconda in classifica troviamo “Ines-Biesse” (che rappresentava il progetto dell’Ail di Bresca, Itaca), il Solaris 36 con a bordo i gemelli Tonoli e come skipper Mauro Pelaschier, un pezzo di storia della vela italiana, dall’Olimpiade ad “Azzurra”. Il primo degli Asso è stato il verde “Pigreco” con i colori del film di “007 Quantum” e la squadra di 4.20 e Laser del Circolo Vela Gargnano. In scia sono finiti i due scafi campioni nazionali nelle ultime 4 stagioni, “Idefix” con la famiglia Cavallini e il presidente della Provincia di Bresca Alberto Cavalli, terzo “Assterisco” del conte lombardo Giorgio Zamboni con il vice presidente del Consiglio Regionale della Lombardia Enzo Lucchini. Il primo dei Dolphin è stato quello del campioncino degli Optimist Davide Bianchini per i colori della Canottieri Garda, il primo dei Fun, il “FunFollie” di Antonio Sueri condotto dal vincitore del Giro d’Italia, l’ex olimpico trentino Gianni Torboli della Fraglia Vela di Riva. Infine le barche del progetto “Arche-Mimosa” di Trento, barca completamente sbarrietata, “Hyak” con il “Cyrano” portato dal presidente dello Zoo-profilattico di Bresca Franco Tirelli, il J 80, il Proteus 90 e il nuovo trimarano di “Eos la vela per tutti”, l’iniziativa ideata anni fa dal magistrato veronese Michele Dusi e che lavora con i reparti di riabilitazione motoria dell’Ospedale Sacro Cuore di Negrar-Verona. La Childrenwindcup è stata organizzata da Abe, Spedali Civili di Brescia-Ospedale dei Bambini, Circolo Vela Gargnano e Riviera dei Limoni in collaborazione con Aria (www.in-aria.it), Dimmidisì, Green Comm Challenge, Marina Yachting, Wind Telecomunicazioni, Intesa San Paolo, la Comunità Pastorale di Bogliaco e Gargnano, i Volontari del Garda Pro Bielorussia, Associazione Altopiano, Gruppo Alpini Gargnano, Gargnano relax, Cascina San Zaug di Salò.

sull'autore

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.