Meridiana Rent Navily
Condividi questa pagina
Invia ad un amico

Salone Nautico 2016

Honda Marine

Nautica - Barche di una volta

In primo piano

VELAMAR
Distributire carburante e servizi nautici a S. Nicola l'Arena (PA)

GSTORE
Vendita online di accessori nautici ed elettronici

MARINA ARTURO STABILE
Approda in un mare di servizi... potrai restare sempre a galla...

MARINA CALA DE' MEDICI
Porto turistico e servizi per il diporto nautico

Altri inserzionisti...

Seguici su Facebook


Navigando
tra le norme

I documenti e tutta la normativa per navigare sicuri nei mari italiani

L'Avvocato in Barca - Una guida allo Yachting Law

Per altre informazioni consultare la rubrica "Navigando tra le Norme" pubblicata mensilmente sulla rivista "Nautica" disponibile anche in versione digitale. Per lo scambio di opinioni tra i diportisti è disponibile il nostro Forum di discussione

   GUIDA     NORME 

TASSA DI POSSESSO

Aggiornamento: Aprile 2015

L'intensa attività di UCINA Confindustria Nautica ha portato a due successive modifiche della normativa inizialmente introdotta dal governo Monti a fine 2011 ed estremamente punitiva con il settore. Le norme sono la legge 24 marzo 2012, n. 27, poi ulteriormente modificata dalla legge 9 luglio 2013, n. 98.
Le unità da diporto di lunghezza superiore ai 14 metri (misurata secondo la norma ISO 8666), a decorrere dal 1° maggio di ciascun anno sono tenute al pagamento della tassa di possesso secondo i seguenti importi base:

Tariffe in vigore

Lunghezza dell'unità da diporto
Da metria metriEuro
14.0117.00870,00
17.0120.001300,00
20.0124.004400,00
24.0134.007800,00
34.0144.0012500,00
44.0154.0016000,00
54.0164.0021500,00
64.01oltre25000,00

Riduzione degli importi

I suddetti importi sono ridotti
  • del 15%, 30%, 45% per cento rispettivamente dopo 5, 10, 15 anni dalla data di costruzione dell'unità da diporto (calcolata a decorrere dal 1° gennaio dell'anno successivo a quello di costruzione);
  • di un ulteriore 50% per le unità a vela (il cui rapporto fra superficie velica e potenza del motore in kW non sia inferiore a 0,5).

Soggetti

La tassa di possesso è dovuta qualora i proprietari, gli usufruttuari, gli utilizzatori a titolo di locazione (anche finanziaria) siano fiscalmenti residenti nel territorio dello Stato, o siano stabili organizzazioni in Italia di soggetti non residenti. Nel caso di leasing è dovuta dall'utilizzatore.

Esclusioni

La tassa non si applica ai battelli di servizio, purché questi rechino l'indicazione dell'unità madre, alle unità nuove con targa di prova, nella disponibilità a qualsiasi titolo del cantiere costruttore, manutentore o del distributore, ovvero per quelle usate e ritirate dai medesimi cantieri o distributori con mandato di vendita e in attesa del perfezionamento dell'atto, ovvero per le unità che siano rinvenienti da contratti di locazione finanziaria risolti per inadempienza dell'utilizzatore.
La tassa non si applica ai soggetti non residenti e non aventi stabili organizzazioni in Italia che posseggano unità da diporto, sempre che il loro possesso non sia attribuibile a soggetti residenti in Italia, nonché alle unità bene strumentale di aziende di locazione e noleggio.

Pagamento in ritardo

Per l'omesso pagamento è prevista una sanzione dal 200% al 300% dell'importo della tassa, ma è possibile ridurla se si ottempera entro 30 giorni dalla scadenza: in questo caso la sanzione ammonta al 200% della tassa non pagata, diviso per 10. Se si paga entro il 31 maggio dell'anno successivo, invece, la sanzione ammonta al 200% della tassa non pagata, diviso per 8. Vanno aggiunti l'importo della tassa e gli interessi legali, pari al 2,5% annuo, calcolati proporzionalmente ai giorni di ritardo maturati sino al giorno del versamento. Il versamento con modello F24 utilizza i seguenti codici: 3370 per la tassa; 8936 per le sanzioni, 1931 per gli interessi.

Rimborso

L'istanza di rimborso per un pagamento errato deve essere presentata all'Agenzia delle Entrate in via telematica utilizzando l'apposito modulo disponibile in formato elettronico sul sito internet dell'Agenzia delle Entrate (www.agenziaentrate.it) e sul sito internet del Ministero dell’Economia e delle Finanze (www.finanze.gov.it).

Documentazione:
Scarica qui il modulo per il rimborso della tassa di possesso
Tassa di possesso, come pagarla
Il vecchio decreto salva Italia del 22 dicembre 2011
La vecchia tassa di stazionamento abolita nel 2003
La tabella delle vecchie tariffe della tassa di stazionamento in Euro