Archivio di tutte le notizie e dei comunicati stampa dal mondo della nautica

RSS Disponibile feed RSS v2.0

Lombardini Marine

Lombardini Marine

Lechler - STOPPANI


Nautica Yachtmarket, barche usate online

Nautica Editrice S.r.l.

THE ITALIAN SEA GROUP APRE UNA NUOVA SEDE IN AMERICA

Marina di Carrara, 12 Gennaio 2016.

The Italian Sea Group è lieto di annunciare l’apertura di una nuova sede americana a Fort Lauderdale, (Florida), Stati Uniti d’America.

The Italian Sea Group è oggi uno dei più grandi gruppi conglomerati della nautica internazionale, ed opera sul mercato con brands prestigiosi e universalmente riconosciuti come Admiral (fondato nel 1966), Tecnomar (1987) and NCA (1942) che insieme hanno prodotto e varato oltre 500 tra yachts e navi commerciali.

La nuova sede si trova al 401 East Las Olas Blvd, Fort Lauderdale e sarà coordinata da Francesco Carbone, Vice Presidente del Gruppo.

Commentando l’apertura della nuova sede, Giovanni Costantino, Presidente del Gruppo, commenta: “Siamo davvero lieti di aprire un ufficio corporate in America dove continuiamo ad assistere ad una crescita costante del mercato dei superyacht. Trasferire il nostro Vice Chairman Francesco Carbone conferma la nostra estrema attenzione in questo mercato. Sono certo che The Italian Sea Group Americas Inc., sotto la direzione di Francesco consoliderà il nostro successo nelle Americhe".

Francesco Carbone, Vice Presidente del Gruppo e recentemente nominato Presidente di The Italian Sea Group Americas, Inc. commenta “Ho lavorato presso l’headquarter italiano negli ultimi sette anni. Con un grande lavoro di squadra siamo riusciti a firmare un numero rilevante di contratti di nuove costruzioni fino a 75m di lunghezza e vendere tutti gli yacht usati azzerando lo stock.

Riscontriamo un interesse crescente per i nostri yacht nelle Americhe e quindi è fondamentale consolidare lì la nostra presenza. Abbiamo già costruito diversi superyachts per Armatori americani e non vedo l’ora di poter lavorare sempre più a stretto contatto con loro, insieme ai broker e ai capitani americani”.