La Consegna della Barca - Consigli per Venditore e Compratore Superyacht.eu
Condividi questa pagina
Invia ad un amico

Nautica - Barche di una volta

In primo piano

SALPANCORE
Ormeggio e rimessaggio a Palermo

PAGLIARINI INTERNATIONAL BOAT
Barche nuove e usate a motore e gommoni

BRUNSWICK MARINE IN ITALIA
Importatore motori Mercury, Mariner, Mercruiser

GLOBALCAR SERVICE - DIVISIONE NAUTICA
Vendita barche nuove e usate QuickSilver, Arvor, Black Fin, Mercury

VERGA-PLAST
Trimarani, lance, derive veliche, motoscafi, canoe, tender

Altri inserzionisti...

Seguici su Facebook


SUPERYACHT #505
Maggio 2004

Articolo estratto dalla nostra omonima rivista trimestrale dedicata alle imbarcazioni più grandi e lussuose con fotografie, schede tecniche, articoli didattici, ultime notizie e novità dal mercato


Sommario

Annuario
della nautica


Impressioni
di navigazione


Barche usate

Boatshow

Video Nautica

Articolo di
Angelo Colombo


"SINE QUA NON"
SEMPLICEMENTE INDISPENSABILE

Il noto cantiere neozelandese Alloy Yachts International rende noti i dettali del più grande motoryacht che abbia mai realizzato. Si tratta di "Sine qua non", nome che sullo specchio di poppa di questo splendido yacht è riportato con l'acronimo "S.Q.N.", realizzato secondo le richieste specifiche di Gary Lane, presidente della stessa Alloy Yachts International.

Il progetto navale è stato sviluppato da Dubois Naval Architects, mentre lo sviluppo degli interni è opera dello studio Don Starkey Design. "S.Q.N." ha cominciato a tradursi in realtà nel luglio del 2001, quando dai disegni si è passati alla realizzazione dei primi elementi strutturali all'interno della struttura neozelandese del cantiere. Il varo è avvenuto dopo oltre un anno e mezzo, precisamente il giorno otto febbraio 2003, in tempo per permettere al suo armatore di prendere parte alla regata dedicata ai superyacht NZ Millenium Cup che ha avuto inizio il giorno 10. Nel mese di aprile dello stesso anno "S.Q.N." ha raggiunto il Mediterraneo dove tuttora staziona.

 

SCHEDA TECNICA
Lunghezza f.t.: m 38,60
Lunghezza al galleggiamento: m 33,70
Larghezza massima: m 8,50
Pescaggio massimo: m 1,89
Dislocamento: kg 214.000
Materiale di costruzione: alluminio
Designer: Dubois Naval Architect
Interior design: Donald Starkey Designs
Classificazione: Lloyds Croce di Malta A1 SSC Motor Yacht Mono G6 LMC
Motorizzazione: 2x1.450 Caterpillar diesel accoppiati a due riduttori ZF ed eliche a cinque pale
Velocità di crociera: 13 nodi
Velocità massima: nodi 16,5
Autonomia alla velocità di crociera: 2.530 miglia
Autonomia a 10 nodi: 4.550 miglia
Capacità serbatoi carburante: litri 36.334
Capacità serbatoi acqua dolce: litri 10.740

Per ulteriori informazioni è possibile contattare Alloy Yachts International; 1 Selwood Road, Henderson, Auckland, New Zealand; P.O. Box 21480, Henderson; tel. +64 9 838 7350; fax +64 9 838 7393; sito web www.alloyyachts.co.nz; e mail mailbox@alloyyachts.co.nz.

Scafo e sovrastrutture sono interamente realizzati in alluminio, scelta che ha permesso al cantiere di gestire i pesi ottimizzandone la disposizione a tutto vantaggio delle prestazioni e delle doti di stabilità. Il progetto è sviluppato su tre ponti dei quali il superiore, che nella parte prodiera ospita la plancia a tutta larghezza, con stazione di governo in posizione centrale. A poppavia di quest'area si sviluppa una zona living all'aperto, riparata da una struttura rigida che segue la forma del piano di questo ponte, ma che lascia ampio respiro all'ambiente grazie alla mancanza di strutture verticali. La zona poppiera di questo ponte ospita una Jacuzzi dotata di generazione di flusso per il nuoto. Lo scafo è lungo 39,0 m e largo 8,50, dimensioni che hanno permesso ai progettisti di sviluppare interni in linea con le richieste dell'armatore, senza dover ricorrere a forzature stilistiche che avrebbero compromesso la piacevole estetica dell'insieme. Il ponte principale comprende un ampio pozzetto nel quale si trova una zona pranzo con tavolo richiudibile, in grado di ospitare comodamente dieci commensali e quasi totalmente riparato dal prolungamento poppiero del fly. Posto per madiere sullo specchio di poppa, si sviluppa un divano che segue la curvatura della struttura, mentre ai lati sono presenti due discese comode e sicure verso l'ampia plancia poppiera. Dal pozzetto si accede al salone interno mediante una porta automatica in cristallo. Qui troviamo il salone con angolo bar, tavolo da gioco, divani, poltrone e numerosi accessori dedicati al relax, a proravia del quale si sviluppa la zona dedicata alle cene formali sviluppata sull'intera larghezza della sovrastruttura e arredata con tavolo capace di accogliere comodamente dieci persone. Su questo stesso ponte, leggermente a proravia della zona mestra, si sviluppa la plancia al coperto, realizzata nella realtà su un livello intermedio tra il ponte principale e il superiore, dotata di angolo ufficio, bagno riservato, stazione di governo in posizione centrale e visibilità su 180° grazie alle ampie finestrature di cui è dotata. A proravia della zona destinata alla condotta nave si sviluppano un ampio studio e la cabina armatore, quest'ultima caratterizzata dalla presenza di un salottino privato, servizi doppi, letto matrimoniale, cabina armadi e finestrature perimetrali ampie e capaci di offrire, anche qui, una panoramica a 180°. La zona prodiera all'aperto di questo stesso ponte ospita un tender e una gruetta per la movimentazione. A poppa è presente un ulteriore tender, un Rib Novurania 530 DL, all'interno del garage posto sotto il piano di calpestio del pozzetto, movimentabile per mezzo di sistemi elettroidrauici come la moto d'acqua Sea Doo GTX 4 Tec presente nello stesso locale. Essendo l'armatore appassionato di attività subacquee, all'interno del garage poppiero ha fatto installare una stazione di ricarica per bombole ad aria. Il ponte inferiore di "S.Q.N." ospita due ampie cabine matrimoniali con bagno "ensuite" poste una accanto all'altra, alle quali se ne aggiunge una doppia con letti in piano sul lato dritto, anch'essa con bagno riservato, e una palestra modificabile a richiesta in ulteriore cabina doppia. Gli interni sono tutti realizzati con essenze di legno pregiato, che conferiscono a ogni ambiente un elevato livello di accoglienza ed eleganza consona all'importanza del progetto. A proravia della zona dedicata agli ospiti, il ponte inferiore ospita la cabina del comandante, due cabine doppie per l'equipaggio, locali di servizio e ambienti dedicati al relax del personale. Tutti i locali di bordo sono equipaggiati di monitor al plasma con lettore DVD, compreso il salone e la palestra, per un totale di otto impianti indipendenti, inoltre, in ogni ambiente è presente anche un impianto HiFi dotato di cuffie cordless per non disturbare la privacy degli altri ospiti. Questi sono solo alcuni degli accorgimenti sviluppati dai progettisti, per assicurare il massimo comfort a tutti gli occupanti dello yacht nel corso della crociera, ma particolare attenzione è stata posta da Alloy Yachts nello sviluppo delle dotazioni riservate alla sicurezza. Per esempio, il sistema di rivelazione fumi e incendi operante in ogni angolo dello yacht, sistemi per il controllo degli impianti di bordo mediante schermi touch screen, telecamere di sorveglianza in tutti gli ambienti sensibili come la sala macchine, oltre a quelle esterne per la sorveglianza sui 360° intorno allo yacht. Tutto questo si aggiunge a quanto prescritto dalla normativa MCA alla quale "S.Q.N." risponde in ogni struttura e compartimentazione. Alloy Yachts ha riservato anche particolare attenzione all'insonorizzazione degli interni, mediante l'impiego di materiale fonoassorbente capace di assicurare il completo isolamento termico e acustico dall'esterno. La struttura, così com'è realizzata, assicura anche un importante assorbimento delle vibrazioni, offrendo un comfort di marcia elevato a qualsiasi andatura. Naturalmente l'elettronica di bordo è consona alle potenzialità del mezzo e a quanto previsto dalla normativa internazionale per navi di questo tipo. "S.Q.N." è uno yacht esclusivo, che il suo armatore ha potuto far realizzare seguendo quotidianamente lo stato dei lavori, potendo intervenire in ogni più piccolo dettaglio per ottenere un superyacht su misura.