Ormeggio assistito - Tutto sotto Controller

È sempre una situazione di tensione anche per i più esperti, perché tutto va bene fin quando il vento è assente, ma se spira una bella brezza, specie se laterale alla direzione di ormeggio, le cose si complicano, e si complicano ancor di più se l’imbarcazione è importante e l’equipaggio di scarsa esperienza non può dare alcun aiuto. Se poi chi è al comando di esperienza ne ha poca, può anche subentrare il panico, con conseguente richiesta di assistenza del gommone degli ormeggiatori. Parte sicuramente da questi presupposti lo sforzo tecnologico in atto da diversi anni nel creare sistemi di ormeggio assistito, ovvero in grado di sollevare del tutto o in parte il comandante dall’ingrato compito. In questo panorama, con una lunga evoluzione che vede la sua prima comparsa nel 1998, si inserisce la Yacht Controller, azienda - al contrario di quanto molti pensano - nata e cresciuta in Italia con sede a Muggiò e ancora oggi sotto la guida del suo fondatore, Giuseppe Brianza. Ed è proprio con la sua collaborazione che abbiamo voluto chiarirci le idee. Yacht ControllerPartiamo dalla domanda più logica e banale: cos’è uno Yacht Controller? Direi semplicemente che si tratta di un telecomando molto sofisticato, grande più o meno come uno smartphone, che opera entro un range di 50 metri e facilita le operazioni di ormeggio per i meno esperti, ma non solo per loro.

Leggi tutto l'articolo

Abbonati

Per leggere l'articolo acquista un abbonamento a Nautica Online