La Reunion ed il valzer delle balene!

Esperienze d’immersione: articoli dei nostri lettori che vogliono raccontare un viaggio, una crociera, ma anche una semplice immersione o un argomento tecnico

Testo di Patrizio Amico

Piccola isola nel mezzo dell’Oceano Indiano, la Réunion risplende di bellezze naturali su terra come in mare. Quí la temperatura annua oscilla tra i 20 e i 28°C (al livello del mare), questo clima favorisce sicuramente la pratica di tutti gli sport nautici durante tutto l’anno. Dettaglio che attirerà sicuramente l’attenzione degli amanti dello snorkelling e dello scuba diving. Lo scuba diving è innanzitutto un hobbie da praticare solo o in compagnia. L’isola è estremamente rinomata per la molteplicità dei suoi siti dove poter praticare questa disciplina. Passando dalla costa ovest, da Saint-Gilles sino a Saint-Pierre (dove si trovano i più bei siti dell’isola) o andando verso Sainte-Rose sulla costa est (dove si trovano i siti per i più sportivi), l’isola propone un una quantità esaustiva di siti d’eccezione. Dai 3m di profondità per i novizi, ai più di 50m per i più esperti, immergersi in questo paradiso subacqueo rappresenta un’avventura alla scoperta delle meraviglie (flora & fauna) che circondano quest’isola.

Caratteristiche delle coste

Costa Ovest (riparata dal vento) (da Boucan Canot a Etang-Salé) Immersioni in alto mare sulla pendenza esterna della barriera corallina. Condizioni ideali praticamente tutto l’anno, salvo cicloni. Temperatura dell’acqua tra i 24 e i 30°. Visibilità dei fondali ottima a seconda delle condizioni meteo;

Costa Est (soggetta al vento) (da Saint-Pierre a Sainte-Rose) Immersioni più “sportive”, in questa zona l’oceano è più agitato e più esposto al vento (quindi onde d’entità più importanti) ;

I paesaggi subacquei

Immersioni sulla barriera corallina:
Immersioni tra i 10 e i 40m di profondità, adatte ad ogni tipo di livello (dal novizio al più esperto). Da Saint-Paul a Saint-Leu, avrete l’opportunità d’ammirare la barriera corallina composta da coralli gialli, rossi, arancioni, neri e color fuoco, un vero spettacolo dai mille colori ! Per quanto riguarda invece la fauna, la vita subacquea è lussureggiante: tonni, barracudas, tartarughe marine, mante, squali ed altre speci come le murene, l’ippocampo, le aragoste, senza dimenticare ovviamente i delfini (presenti tutto l’anno nella baia di Saint-Paul), e le famose « balene megattere » accompagnate dai loro piccoli sempre più numerose (presenti tra luglio ed ottobre). Un acquario a grandezza naturale accuratamente preservato.

Le grotte:
Di roccia basaltica sono in realtà delle anziane colate di lava che si sono raffreddate al contatto con l’acqua. Numerosissime e di varie dimensioni, riparano e proteggono la fauna acquatica, quí ben rappresentata poiché, oltre ai numerosi banchi di pesci, spesso si possono incrociare delle tartarughe e più raramente degli squali. Questi siti sono destinati ai sommozzatori più esperti a causa della corrente abbastanza forte e della loro profondità. Se incuriositi, potrete avventurarvi in varie grotte tra cui (« Pain de sucre », « la Cheminée », « les 3 Failles » « Les marches de Poseidon », « la Caverne d’Ali Baba », etc.).

I relitti:
Alcuni relitti circondano i fondali marini della costa ovest:
La Barge, situato nel mezzo della baia di Saint-Paul
Il Hia Siang, barca affondata nel 1980
Il Navarra, battello di 40m affondato nel 1996
L’Antonio Lorenzo, vecchia nave pirata, affondata nel dicembre 1999
Il Sea Venture, cargo panamense naufragato nel 1981

Per praticare questa disciplina in tutta sicurezza, esistono sull’isola una ventina di società che propongono il noleggio di tutto il materiale e l’equipaggiamento necessario. I responsabili sono dei professionisti diplomati con una grande esperienza dei fondali marini reunionesi.

Regole d’oro da rispettare:
Il sommozzatore ha il dovere di rispettare l’universo acquatico ed i suoi abitanti. I coralli della Réunion sono relativamente giovani e fragili, sorvegliate quindi i movimenti delle vostre pinne cercando di non danneggiarli. Alcuni coralli possono essere urticanti ed alcuni animali possono avere delle reazioni difensive se importunati. Non portate via nulla… tranne ovviamente delle belle foto per continuare a sognare aspettando la prossima immersione!

Dipartimento d’oltre mare francese dal 1946, l’isola della Réunion è localizzata nell’Oceano Indiano a circa 700 km ad est del Madagascar e a 170 km dalle Mauritius. L’isola d’origine vulcanica, è classata al Patrimonio Mondiale dell’Unesco (43% della superficie totale dell’isola). Definita l’isola « Intensa » per le innumerevoli attività ludiche e sportive proposte. Un popolo arcobaleno, frutto di un melting pot di differenti etnie (africani, malgasci, indiani, europei, cinesi). Il clima della Réunion è caratterizzato da due stagioni : l’inverno australe (giugno-ottobre) e l’estate australe (novembre-aprile).

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.