Doppietta di Team Australia nel Weihai GP di XCAT, mentre i campioni 2016 tornano sul podio dopo tre gare a secco

Nautica Editrice
Scritto da Nautica Editrice

Weihai, 22 Ottobre 22 2017. Seconda vittoria in due giorni, ancora un dominio assoluto in gara: Brett Luhrmann e Pål Virik Nilsen, sulla loro barca “The Blue Roo”, portano Team Australia in testa alla classifica generale del mondiale UIM XCAT World Championship, e impressionano per il livello di prestazioni raggiunte.

Dietro di loro, un grande recupero in gara regala a Victory Team di Salem Al Adidi ed Eisa al Ali la seconda piazza, con a seguire i campioni in carica Arif al Zaffein e Nadir bin Hendi sulla loro nuova barca “Al Wasl”, finalmente a podio dopo tre gare molto al di sotto delle aspettative (un ritiro, un ottavo e un settimo posto).

La gara, su mare leggermente mosso con vento teso da terra, comincia con un’altra partenza perfetta per Australia, seguita da “Weihai China” di Giovanni Carpitella e Darren Nicholson, Abu Dhabi (Rashed al Tayer e Majed al Masoori), e Fujairah Team con Serafino Barlesi e Alessandro Barone, mentre Victory brucia subito Swecat guadagnando una posizione. Con i primi a fare gara da soli, la lotta è per il secondo posto. Weihai China si dimostra instabile con questo vento e scivola fino a quarta, mentre Abu Dhabi prende una penalità per salto di boa e Swecat finisce in testa-coda (ma i piloti la riportano subito in gara). Victory quindi ha ottime chance di recupero, favorite dalla strategia sui long lap che li porta ad avere sempre acqua libera: e con anche Fujairah Team in calo di performance, la lotta è con “Al Wasl” che da settima si trova addirittura seconda, seppure con un long lap in meno rispetto ai diretti avversari. Nonostante l’impressionante serie di tornate veloci di Al Zaffein e Bin Hendi, è proprio l’ultimo giro a decretare che la piazza d’onore sia di Victory, per un solo secondo.

Abu Dhabi perde così la leadership mondiale, mantenuta per appena 24 ore, mentre Team Australia pareggia i conti con Victory (due vittorie a testa in quattro gare) e si porta in testa in classifica a 118, seguita proprio da Victory a 115 e Abu Dhabi a 104.

Giornata negativa per i team e i piloti italiani: secondo in gara 1, Carpitella termina quarto (stessa posizione per lui anche nel mondiale), mentre Barlesi e Barone chiudono in ottava piazza, dopo il buon quinto posto di ieri.

E se Andrea Comello e Roberto Lo Piano su Lady Spain riescono a portare a casa sei punti, reduci dal cappottamento di venerdì e conseguenti 48 ore di lavoro per sostituire i motori (niente pole né gara nel loro sabato), la peggiore notizia del giorno è la perdita di un propulsore per Al&Al – Caccia Engineering: a pochi giri dal termine Diego Testa e Daniele Martignoni sono costretti al ritiro quando il motore sinistro si stacca dalla barca e affonda al largo del circuito, probabilmente a causa delle vibrazioni innescate dal cedimento di un bullone di fissaggio.

Lars Graver, team manager di Australia, sintetizza il momento positivo in una sola frase: “Ci chiedono se ora siamo il team da battere? Assolutamente si”.

Salem al Adidi di Victory invece fa un paragone calcistico: “Guardiamo al Barcellona: anche quando un fuoriclasse se ne va, resta sempre il Barcellona”, intendendo sia come la dipartita dei campioni mondiali Arif al Zaffein e Nadir bin Hendi non significhi una perdita di competitività, sia come i risultati siano sempre merito di tutta la squadra.

Ora le barche e i materiali sono pronti per essere spediti a Xiamen, nel sud della Cina vicino a Hong Kong, dove verranno raggiunti da piloti, team e addetti ai lavori per disputare la terza tappa del mondiale XCAT World Championship già il prossimo weekend, dal 27 al 29 Ottobre.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.