Five For Fighting J di Tommaso De Bellis Vitti si porta al comando dell’Invernale di Taranto

Taranto. Tre belle regate hanno caratterizzato la seconda giornata del Campionato Invernale Città di Taranto ben organizzato nella rada di Mar Grande dal Circolo Velico Ondabuena Academy coadiuvato dal Molo Sant’Eligio con il supporto di Obiettivo Mare di Bari e l’apporto della Marina Militare, manifestazione alla quale stanno partecipando una quindicina di J24 della Flotta pugliese.
“Con la seconda giornata di prove, il Campionato Invernale Città di Taranto è entrato nel vivo della competizione visto che sono rientrati anche i due attesi assenti della prima giornata, ossia Ita 467 Canarino Feroce di Massimo Ruggiero (CV Marina di Lecce) e Ita 439 L’Emilio del Circolo Vela Molfetta, per l’occasione con Leonardo Cappelluti al timone e un equipaggio rivisitato rispetto allo scorso anno. – ha spiegato il Capo Flotta dei J24 pugliesi Nino Soriano, timoniere e co-armatore di Jebedee -Belle le condizioni meteo che hanno regalato una giornata di sole e un fresco grecale intorno a 11-12 kn di intensità. Anche in questa seconda tappa la Giuria capitanata da Giuseppe Tortorella, ben coadiuvato dai posaboe, ha disposto il campo di regata con il “bastone corto”, una opzione che ha permesso alla flotta un’area di confronto meno dispersiva, considerato il particolare bacino del Mar Grande e i frequenti shift del vento proveniente da terra. 
E infatti, puntuale in orario, è partita la prima prova con ITA 304 Five For Fighting J di Tommaso De Bellis Vitti che ha preso subito il largo sulla flotta: questa volta al timone c’è Corrado Capece Minutolo ma l’ottimo equipaggio di De Bellis sa comunque tener testa al resto della flotta. Seguono a distanza Ita 450 Marbea armato da Marcello Bellacicca (CV Giovinazzo) con Tony Macina al timone e il nostro Ita 427 Jebedee (co-armato con Luca Gaglione CN Il Maestrale) che però pasticcia nella boa di bolina ed è costretto a ripartire da ultimo dopo aver pagato una penalità con un 720°. L’ordine di arrivo comunque non cambia, con Jebedee che recupera tutte le posizioni fino a chiudere terzo. Nella seconda prova si fanno maggiormente sentire i capricci del vento che è sceso a raffiche sul mare, regalando gioie a chi si è trovato nel punto corretto, e dolori a chi ha scelto l’opzione sbagliata. E difatti, questa volta Jebedee ha condotto tre dei quattro giri di campo ma è stato costretto a cedere il campo a ben tre barche proprio per scelte tattiche non proprio azzeccate. Vince ancora Five for Fighting con un balzo dal terzo posto in avanti, secondo Ita 467 Canarino Feroce e terzo Ita 406 Doctor J del timoniere-armatore Sandro Negro (CN L’Approdo) che piazza la sua zampata proprio su Jebedee nel lato di poppa poco prima dell’arrivo. Avvincente anche la terza prova: questa volta Jebedee comanda dall’inizio alla fine, con alle spalle DoctorJ, Five for Fighting e Marbea che si contendono in incroci ravvicinati le restanti posizioni del podio. Canarino Feroce è stato costretto al ritiro per avaria allo spinnaker. Il Campionato Invernale proseguirà nelle giornate del 18 dicembre, 22 gennaio 2017, 5 e 19 febbraio, 5 e 19 marzo, per un totale massimo di 24 prove. Seguiteci sul sito della flotta: flottadipuglia.altervista.org
La classifica provvisoria stilata al termine delle prime 5 prove vede adesso al comando ITA 304 Five For Fighting J di Tommaso De Bellis Vitti-Masi (Lni Monopoli) che ha sorpassato di 2 punti  Ita 427 Jebedee (Cn Il Maestrale Bari), mentre ITA 450 Marbea di Marcello Bellacicca (CV Giovinazzo) si conferma in terza posizione.
 
Portoferraio. Tutto regolare anche nella seconda giornata dell’Elba Winter Cup, il campionato di vela d’altura giunto alla seconda edizione al quale stanno partecipando anche tre J24 portacolori di due circoli storici dell’Elba, Marciana Marina e Porto Azzurro, e della giovane ASD Diversamente Marinai che tanti conoscono grazie alla collaborazione con Legambiente. “Ancora vento leggero e piuttosto instabile, per la seconda regata d’altura, disputata domenica scorsa nelle acque di Portoferraio” spiegano gli Organizzatori dello Yacht Club Portoferraio e della Lega Navale Sez.di Portoferrario “Grande spettacolo il percorso tra lo Scoglietto e il golfo, visibile non solo dalla passeggiata delle fortezze ma anche dalle navi in transito. Una regata a bastone di 7 miglia, molto tecnica dove la differenza la favevano l’affiatamento dell’equipaggio, la precisione e la velocità delle manovre, una buona capacità di osservare il mare per capire dove il vento soffiava con più regolarità. Una regata  che ha visto le imbarcazioni distribuirsi in classifica in base a ciascuna di queste preziose capacità che permettono di guadagnare secondi preziosi sugli avversari. Al termine della prova, come sempre spazio alla convivialità con una graditissima polenta  presso il ristorante Molo G accompagnata dall’Elba Rosso Doc La Fazenda. L’appuntamento è tra due settimane con due regate, sabato 17 e domenica 18 che concluderanno la prima manche. Nei J24, il monotipo a chiglia fissa più popolare nel mondo che, gradita novità di questa edizione dell’Elba Winter Cup, ci sta offrendo un’interessante sfida e tanto spettacolo, è ancora una volta Be-beef di Enrico Gambelunghe (CVP) ad aver avuto la meglio su Zio Celeste del CVMM e su Miolo do Pan con Marco Marmeggi – Diversamente Marinai.”
Il J24 Be-beef che guida la classifica generale del campionato EWC, è primo anche nell’ordine d’arrivo generale seguito in seconda posizione dall’Azuree 35 Stella Polare di Marco Cardenti e in terza dall’altro J24, Zio Celeste. 

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.