Mattia Camboni (GS Fiamme Azzurre) è il primo italiano a vincere la medaglia d’oro ad un Campionato Europeo nella tavola a vela maschile. Un’ottima settimana per l’atleta di Civitavecchia che su 13 prove segna quattro primi posti e due secondi, oggi conclude con una seconda posizione nella prova finale a punteggio doppio e firma un successo storico nel windsurf olimpico maschile italiano, che non aveva mai vinto un titolo continentale prima d’oggi.

Mattia Camboni: “Sono venuto in Polonia con la speranza di salire sul podio, ma vincere l’oro è tutt’altra cosa! Abbiamo fatto un lavoro fantastico quest’anno e a Sopot questa settimana mi sentivo proprio a mio agio con la tavola. La stagione non è iniziata alla grande, me da Hyères in avanti sono cresciuto molto, a Tarragona ho capito di essere tornato in forma e con il sesto posto al Mondiale di Aarhus, nonostante l’OCS iniziale, ho acquisito maggiore consapevolezza. Sono molto contento per questo risultato storico nella tavola a vela italiana”.

Riccardo Belli Dell’Isca, Tecnico Federale RS:X maschile: ”Un risultato storico nell’RS:X maschile, sono molto felice per Mattia, il valore dell’atleta è questo ma nell’ultimo periodo ha fatto uno scatto di maturità importante. Va bene così, ora bisogna rimanere concentrati e con i piedi per terra perché ci sono ancora delle cose che possono essere migliorate e utilizzeremo il periodo invernale per lavorare su questi aspetti”.

Michele Marchesini, Direttore Tecnico FIV: “Un titolo storico per il windsurf Olimpico italiano che è frutto di tanto lavoro, impegno e preparazione. Mattia Camboni è una realtà di valore assoluto, vicino a una maturità agonistica completa. Sapevamo che quest’anno era molto importante se non cruciale ai fini della svolta e questo titolo europeo e l’ottimo mondiale di agosto in Danimarca sono conferme in linea con la progressione di crescita che ci aspettavamo”.

Dopo l’ultima prova di oggi Daniele Benedetti (SV Guardia di Finanza) e Luca Di Tomassi (LNI Civitavecchia) sono appaiati in 17esima e 18esima posizione ad un punto di distanza, oggi Benedetti registra un 16esimo posto e Di Tomassi un 19esimo; Carlo Ciabatti (Windsurfing Club Cagliari) dopo un bell’inizio di settimana chiude l’Europeo in 29esima posizione.

Bene anche per l’altra azzurra Senior impegnata oggi nella Medal Race, Marta Maggetti (SV Guardia di Finanza), se pur ottiene solo un decimo posto nella prova di oggi, chiude la trasferta polacca in sesta posizione. Veronica Fanciulli (CS Aeronautica Militare) è quindicesima con un 24esimo odierno che scarta.
A Sopot, in Polonia, oggi il programma ha subito dei ritardi a causa del meteo e la Medal Race degli Youth Men non è stata disputata, Nicolò Renna (Circolo Surf Torbole) si conferma così quinto; Giorgio Stancampinao (CC Ruggero di Lauria) perde una posizione e chiude l’Europeo 16esimo, Simone Montanucci (LNI Civitavecchia) è 36esimo.

Giorgia Speciale è settima in Medal Race, ma il suo titolo continentale nella categoria Youth era già certo ieri, una stagione eccezionale per la giovane anconetana, che conquista la quinta medaglia del 2018 tra RS:X e Techno 293 Plus. Le altre atlete italiane della categoria sono Lerisen Di Leo (LNI Ostia), 15esima e Allegra Ardizzone (CC Roggero di Lauria) 28esima.

Sito Ufficiale dell’evento:
http://www.rsxclass.org/europeans2018/

**********************

GUIDO GALLINARO E MATILDA TALLURI SONO CAMPIONI DEL MONDO DELLE CLASSI GIOVANILI LASER RADIAL A KIEL IN GERMANIA

FRANCESCO VIEL MEDAGLIA DI BRONZO NEI LASER RADIAL MASCHILI

Grande giornata conclusiva per l’Italia al Mondiale Giovanile Laser Radial di Kiel.
La spedizione italiana fa il pieno di medaglie e torna a casa con un ricco bottino formato da tre ori, un argento e un bronzo.

Guido Gallinaro (FV Riva) è Campione del Mondo per la classe giovanile Laser Radial maschile dopo una cavalcata che l’ha portato dal 19esimo posto del primo giorno alla testa della classifica e alla vittoria della medaglia d’oro. La medaglia d’argento va al neozelandese Josh Armit; mentre Francesco Viel (CV Torbole), altro azzurro, conquista la medaglia di bronzo. Rodolfo Silvestrini (GDV LNI Porto San Giorgio), Cesare Barabino (YC Olbia) e Matteo Paulon (YC Cannigione) chiudono la loro avventura a Kiel tra i primi dieci, rispettivamente, quinto, sesto e decimo. Gli altri italiani sono: 53esimo Andrea Crisi (YC Cannigione), 60esimo Farncesco Miseri (Tognazzi Marine Village), 104esimo Riccardo Colombo (GDV LNI Mandello del Lario), 120esimo Filippo Safret (CV Torbole), 154esimo Carlo Sbacchi (CC Roggero di Lauria), 155esimo Francesco Nicolì (CN Approdo), 174esimo Amos Di Benedetto (SC Marsala), 175esimo Gabriele De Marco (GDV LNI Cagliari), 177esimo Andrea Mariano (CN Approdo), 191esimo Gianpaolo Gusella (CN Approdo), 219esimo Filippo Cangemi (CC Roggero di Lauria), 240esimo Michele Amicarelli (NC Castelfusano) e 268esimo Andrea Simonelli (GDV LNI Porto San Giorgio).

Matilda Talluri, la giovane atleta del CV Livorno, è Campionessa del Mondo per la classe giovanile Laser Radial femminile. Matilda si è presa la testa della classifica dal primo giorno delle fasi finali e da quel momento non l’ha più lasciata arrivando a vincere la medaglia d’oro. La seguono in classifica la britannica Matilda Nicholls, argento e la spagnola Ana Moncada Sánchez, bronzo. Nelle prime dieci anche Federica Cattarozzi (CV Torbole), ottava e Giorgia Cingolani (CV Torbole), decima. Chiude il Mondiale in 15esima posizione Marta Zattoni (CV Bellano), in 19esima Virginia Mazza (CV Ravennate), in 67esima Alice Cortesi (GDV LNI Porto San Giorgio), in 74esima (18esima U17)  Sophia Sapignoli (CN Rimini) e in 75esima (19esima U17) Giulia Schio (SC Marsala).

Per quanto riguarda le classifiche degli Under 17 e le rispettive medaglie: Cesare Barabino (YC Olbia) è primo tra i ragazzi e vince quindi la medaglia d’oro per i Laser Radial Youth Under-17 Boys; mentre Giorgia Cingolani (CV Torbole) è seconda tra le ragazze e si aggiudica la medaglia d’argento per i Laser Radial Youth Under-17 Girls.

Alessandra Sensini, direttore tecnico giovanile FIV: “Il Campionato Mondiale di Kiel chiudeva la stagione internazionale dell’U19 nel Laser Radial. Bellissimo l’oro della Talluri che con il suo allenatore Gianni Galli si erano prefissati l’obiettivo mondiale tanto da allenarsi già a giugno su quello che sarebbe stato il campo di regata di Kiel. Avevamo insieme condiviso un programma e mi fa molto piacere vedere che Matilda sia riuscita a centrare l’obiettivo che si era posta. Tre ragazze nelle prime dieci del Mondiale è sicuramente un bel risultato con la Cingolani che sale anche lei sul podio vincendo l’argento dell’U17, confermando una bella prospettiva per l’anno futuro. Negli uomini abbiamo cinque italiani nei top 10. Guido Gallinaro vince un bellissimo oro riuscendo a riscattarsi dopo una partenza non facile. Il terzo posto di Viel che sale sul podio ma anche Silvestrini, Barabino, Paulon nei primi dieci, Barabino che vince l’oro negli U17; tutto questo da alla Federazione buone prospettive per il futuro sia nell’U19 che in quello che sarà il programma Junior di classi olimpiche.”