XCAT ZHENGZOU GRAND PRIX: LA SCARSA VISIBILITA’ NON IMPEDISCE A VICTORY DI CENTRARE UNA DOPPIETTA, CON ABU DHABI ANCORA AD INSEGUIRE

Nautica Editrice
Scritto da Nautica Editrice

Zhengzhou, 15 Ottobre 2017. Nebbia, nuvole basse e molta umidità sono lo scenario che si è presentato oggi ai piloti, pronti per disputare gara 2 del mondiale UIM XCAT World Championship valida per il Gran Premio della città di Zhengzhou, in Cina, prima tappa del 2017.

Ma la scarsa visibilità non ha fermato il Victory team, che con Salem Al Adidi ed Eisa Al Ali ha centrato la seconda vittoria consecutiva, dopo il successo di ieri sullo stesso circuito. Abu Dhabi però resta sempre incollata, chiudendo ancora in seconda posizione, seguita da Team Australia che riscatta con un podio la parziale delusione del giorno precedente, quando un guasto al trim li ha visti perdere il terzo posto a vantaggio degli ottimi italiani di Al&Al – Caccia Engineering.

Allo start, la barca di Dubai ha approfittato subito del vantaggio di correre in acqua libera per spingere al massimo e aspettare che gli inseguitori di Abu Dhabi fossero i primi a intraprendere un long lap (al giro 5). In questo modo, la gara di Victory si è trasformata in un controllo totale sui “cugini” in modo da non perdere mai la leadership.

L’azione si è svolta in modo più frenetico nelle posizioni successive, con una serie sorpassi, errori, penalità che hanno modificato l’ordine continuamente. Ad avere la meglio è stato proprio Team Australia, con Brett Luhrmann e Pål Virik Nilsen, che così vanno a occupare il terzo posto in classifica generale. Bene gli italiani, anche se Diego Testa e Daniele Martignoni non possono essere soddisfatti del settimo posto visto come partivano in griglia. Molto meglio per Giovanni Carpitella, in coppia con lo svedese Joakim Kumlin, che sulla barca “222 Offshore” che porta il nome della città ospitante di Zhengzhou chiude in quarta posizione (i due partivano settimi), seguito da Fujairah Team di Serafino Barlesi e Alessandro Barone. Non male anche Andrea Comello e Roberto Lo Piano su Lady Spain, che chiudono ottavi una garainiziata da ultimi, e compromessa da una penalità comminata per avere centrato una boa in virata.

La sorpresa negativa dopo due gare viene dal campione mondiale in carica Arif Al Zaffein, che con una nuova barca e il britannico Scott Williams al suo fianco ha collezionato nel weekend un ritiro e un nono posto e chiude ora la classifica generale in undicesima piazza.

E se il meteo non ha fermato le prestazioni dei piloti, certamente non ha fermato nemmeno il pubblico: decine di migliaia di tifosi hanno affollato le tribune, i paddock e le rive del lago Long Hu, entusiasti dello spettacolo offerto dagli XCAT.

Ora il circus è pronto a spostarsi nella città di Weihai, sempre in Cina, dove già nel prossimo weekend si correranno le due gare successive di un mondiale che si presenta più combattuto che mai.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.