Da qualche giorno fa bella mostra nei salotti con vista mare di ARTEMARE Club a Porto Santo Stefano la Charta Smeralda incorniciata firmata con One Ocean Foundation. Per ARTEMARE Club   l’adesione alla Charta Smeralda, rappresenta il rafforzamento dell’impegno iniziato il 1 novembre scorso con la presentazione della campagna “Tutti per il Mare senza plastiche” nella sede operativa a Porto Santo Stefano, uno sforzo che la vede impegnata in prima fila con più di trecento yacht club, aziende e tante altre associazioni al servizio della causa di una crescita compatibile e di una salvaguardia del mare, ha dichiarato il comandante Daniele Busetto.

La Charta Smeralda promuove consapevolezza sui principali aspetti di impatto ambientale legati alla vita degli oceani e stimola tutti ad intervenire con soluzioni coerenti e immediate. I suoi obiettivi sono di ordine pratico e di fattibilità immediata, prevenzione e riduzione dell’inquinamento costiero e marittimo attraverso anche micro comportamenti virtuosi a bordo e nella gestione di imbarcazioni e navi, attenzione nel preservare le risorse idriche, riduzione nei consumi di energia, eliminazione della plastica usa e getta, trasformazione dei comportamenti quotidiani per proteggere e preservare l’habitat naturale e marittimo, svolgimento di un ruolo attivo nella protezione e bonifica del mare e infine promozione, in particolare presso le nuove generazioni, di un ruolo consapevole nella tutela dell’ambiente marino.

La One Ocean Foundation mira a riunire scienza, ong, yacht club, aziende e singoli cittadini per intervenire attivamente per la salvaguardia dei nostri mari. La Fondazione è presieduta dalla principessa Zahra Aga Khan e  Riccardo Bonadeo, commodoro dello Yacht Club Costa Smeralda  è il vicepresidente, si propone di accelerare il necessario intervento sugli aspetti più critici che interessano l’oceano, accrescere e congiungere tutte le voci a sostegno dell’oceano nel mondo,  è in sintesi la dichiarazione dei suoi intenti.