Assomarinas: “count Down” per la Portualita’ Turistica Italiana

I porti turistici italiani sono stati i protagonisti al Big Blu, Salone Nautico Internazionale di Roma, appena conclusosi, per la grave situazione in atto relativa agli esiti dell’attività della Commissione Finanze della Camera in merito alla revisione dei canoni demaniali per le strutture nautiche e gli stabilimenti balneari. In occasione del 2° Congresso Nazionale della Portualità Turistica, indetto dall’Associazione Parlamentare Amici del Mare , Roberto Perocchio, presidente di ASSOMARINAS ha chiesto a gran voce al presidente dell’Associazione parlamentare sen. Mauro Cutrufo ” di abbandonare lo stantio ed inutile dibattito sui “massimi sistemi”, per riconoscere, una volta per tutte , le competenze legislative delle Regioni in materia di portualità turistica ( enti locali che hanno già emanato oltre 1600 pagine di provvedimenti per la pianificazione e la regolamentazione dei servizi turistico-nautici ), e di concentrare, invece, proprio in favore delle centinaia di migliaia di diportisti, ogni sforzo sui principi di buona fiscalità per il sep tore, cioè il ritorno ai canoni demaniali in precedenza concordati tra l’amministrazione dello Stato e i costruttori delle marine, al fine anche di produrre un effetto anticrisi ed evitare così l’arenarsi dei nuovi 37.500 posti barca di cui è già programmata la costruzione in tutta la costa italiana che oggi vede impegnati grandi e piccoli gruppi finanziari italiani ed esteri”. Dopo aver perso la preziosa opportunità del rinvio degli ordini di introito dei nuovi canoni demaniali che avrebbe dovuto essere inserito nel recentissimo ” Decreto Milleproroghe” non resta ora – secondo ASSOMARINAS – che appellarsi ad una urgente revisione di tutta la materia da parte della Commissione Finanze della Camera presieduta dall’on Gianfranco Conte, Commissione che ha già iniziato l’iter per il riesame della legge 296/2006 (provvedimento legislativo che ha determinato i nuovi canoni demaniali), in attesa di un provvedimento governativo d’urgenza quale potrebbe essere proprio l’annunciato Decreto Anticrisi per le Imprese, provvedimento legislativo che potrebbe senz’altro ricomprendere, come richiesto da tutta la portualità italiana , la riduzione dei canoni demaniali a sostegno di un comparto turistico in grave difficoltà ma, soprattutto, in crisi di fiducia verso le istituzioni malgrado l’impegno del “Tavolo Tecnico” a suo tempo istituito presso il Dipartimento per lo Sviluppo delle Politiche per il Turismo avviato dal Sottosegretario on. Michela Vittoria Brambilla. Sarà ancora questo il tema di fondo al centro delle preoccupazioni degli operatori dei porti turistici alla prossima Assemblea generale di ASSOMARINAS indetta per il 10 marzo p.v. presso la sede di Confindustria-Federturismo ed alla quale sono stati invitati i massimi rappresentanti della Commissione Finanze e del Dipartimento per lo Sviluppo delle Politiche per il Turismo.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.