Auckland: Continui Salti di Vento Penalizzano Mascalzone Latino

Auckland, 11 ottobre 2002 Anche oggi il golfo di Hauraki non si è smentito e si è dimostrato ancora una volta particolarmente impegnativo con salti di vento imprevedibili e intensità variabile fra i 12 nodi della partenza e dell’arrivo e gli 8-9 del resto della regata. Sostanzialmente la direzione del vento – freddo da sud-ovest – non è mutata (con sponstamenti solo della boa di poppa), ma cio’ che è stato determinante agli effetti del risultato della regata sono stati i salti di vento, i cosiddetti ‘wind shift’, che hanno decisamente penalizzato ‘TIM Mascalzone Latino’, in regata oggi con il team americano di ‘Stars & Stripes’. Alla partenza l’imbarcazione timonata da Paolo Cian segnava un ritardo nei confronti del team avversario poiche’ il vento in quel momento risultava più favorevole per il team, quello americano, che era entrato dalla parte sinistra del box di partenza. Nel primo lato di bolina ‘TIM Mascalzone Latino’ recuperava ampiamente terreno fino ad essere, a circa un terzo dalla boa, in vantaggio su ‘Stars & Stripes’. Ma il vento oggi non si dimostrarva amico del team completamente italiano e un altro salto di vento ‘pesante’ permetteva all’equipaggio guidato da Dennis Conner di riprendere un vantaggio che lo portava fino alla linea d’arrivo. Oggi a bordo nel ruolo di 17° uomo la giornalista italiana Francesca Lodigiani inviata ad Auckland Il Messaggero e del Mattino. Domani si disputa l’ottavo volo, ‘TIM Mascalzone Latino’ affronterà il team francese di ‘Le Defi Arevà. ‘Mascalzone Latino’ e i suo team sono in gara con i colori di TIM, l’ unica azienda di telefonia mobile totalmente italiana e sponsor unico della sfida anch’essa totalmente italiana.

sull'autore

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.