Classi Olimpiche a Imperia

Condizioni difficili a Imperia per la terza giornata dei Campionati Italiani delle Classi Olimpiche: il vento si è fatto attendere a lungo e solo nel tardo pomeriggio, dalle 17, i comitati di regata hanno potuto dare inizio alle prove in programma. Sono state disputate due regate per ogni classe. La classe Europa ha chiuso oggi il campionato, assegnando dopo 4 gare il titolo tricolore a Francesca Komatar, che ha preceduto Sveva Carraro e Rebecca Rettori. Nella classe Star dopo 4 regate la classifica vede in testa Gatti-Cristaldini (1-3-5-1), davanti a Colaninno-Brizzi e a Fravezzi-Chioccioli. Sesto posto per gli azzurri Bruni-Antar Vigna (ocs-1-2-2). Nella classe 470 dominio per Zandonà-Trani (1-2-1-1), davanti a Del Nero-Pitanti e Chiandussi-Chiandussi. In campo femminile comandano le azzurre Saccheggiani-Cutolo (quinte overall). La classifica della classe Finn dopo 5 regate vede in testa l’altro azzurro Michele Marchesini (1-1-1-2-2), davanti a Jacopo Tacchino e Roberto Bosetti. Anche nella classe Laser classifica aggiornata dopo 5 regate e un azzurro pronto per Atene in testa: Diego Negri (2-1-2-1-1) precede Michele Regolo e Giorgio Poggi. Nella classe delle tavole a vela Mistral dopo 4 regate in testa Federico Esposito (2-1-5-2), che precede in classifica Paco Wirz e Andrea Beverino. In campo femminile Alessandra Sensini senza rivali: è addirittura seconda della classifica generale mista e precede nell’ordine Flavia Tartaglini e Laura Linares. In gara anche la classe Flying Dutchmann, con i braccianesi Vespaziani-Gerunzi in testa. Domani penultimo giorno di regate e la speranza di condizioni di vento finalmente più regolari. La conclusione dei X tricolori delle classi olimpiche è prevista per domenica.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.