Giovanni Soldini e Pietro d’Ali’ Navigano di Conserva Dopo l’Incidente

Pericolo di disalberamento a bordo di Telecom Italia Possibile stop a St Barth per la sostituzione del perno dello strallo 1 novembre 2009 La Solidaire du Chocolat (la prima transoceanica dalla Francia al Messico partita il 18 ottobre da St Nazaire) si sta rivelando una regata durissima. Giovanni Soldini e Pietro D’Alì a bordo di Telecom Italia navigano di conserva dopo la rottura del cuscinetto dello strallo principale, avvenuta nella notte tra il 30 e il 31 ottobre. Con il timore continuo di disalberare dato che l’albero non è in tensione come dovrebbe. L’impossibilità di issare il solent ( la vela chiamata anche genoa e usata con tanto vento nelle andature di bolina) ha ovviamente penalizzato la barca italiana che, utilizzando la trinchetta, naviga meno velocemente di bolina rispetto agli avversari. Nella notte Telecom Italia ha perso la prima posizione a vantaggio di Initiatives-Novedia (De Lamotte-Hardy), che ha guadagnato 30 miglia in otto ore. Anche se da questa mattina alle h 5 la distanza tra il Class 40 francese e Telecom Italia è rimasta stabile sulle 20 miglia. L’equipaggio italiano sta pensando se effettuare un rapido stop a St Barth, l’isola dei Caraibi che la flotta dei sedici Class 40 rimasti in gara (su ventiquattro partiti) deve lasciare a tribordo, per eseguire la sostituzione del pezzo. “Questa rottura non ci voleva proprio”, dice Soldini. “Per di più siamo stremati, la notte scorsa ci ha messo a dura prova, non abbiamo mai dormito. Siamo capitati dentro una tempesta con tuoni e fulmini, continui salti di vento, mare incrociato. È dalla partenza che siamo bagnati fradici. Cerchiamo di fare il possibile, ma non possiamo fare miracoli. Abbiamo provato a navigare con lo spi piccolo ma scadiamo troppo, non ce la facciamo a stringere. Dobbiamo aspettare domani. Nel frattempo abbiamo poggiato un po’ per non essere troppo di bolina. Stiamo pensando se farci spedire un nuovo perno dello strallo a St Barth e fermarci lì giusto per la riparazione. Adesso abbiamo 30 nodi al traverso che nelle prossime 24 ore dovrebbero calare. Poi si vedrà”. Al rilevamento delle h 17 (italiane), Telecom Italia naviga in seconda posizione a 24.9 miglia da Initiatives-Novedia (De Lamotte-Hardy). Sale in terza posizione Cheminées Poujoulat (Jourdren-Stamm) a 91,5 miglia dal primo. Al Class 40 italiano mancano ancora 2688 miglia (su 5000) fino all’arrivo a Progreso (Yucatan).

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.