La Mancanza Assoluta di Vento Ferma la Gp42 Quebramar Cup 2008

OGGI NESSUNA REGATA A SANTA MARGHERITA LIGURE Santa Margherita Ligure, 3 maggio 2008 Come previsto dai bollettini meteo di ieri Santa Margherita Ligure e il Golfo Tigullio non hanno lasciato nessuna possibilità agli otto partecipanti alla prima tappa del circuito GP42 Quebramar Cup 2008, le Regate Pirelli, di affrontarsi sull’acqua. Un mare a specchio e un sole splendente li hanno accolti fin dall’uscita dal porto e la situazione non è cambiata molto con il passare delle ore, con grande disappunto dei velisti. Il Comitato di Regata ha cercato in ogni modo un refolo di vento, ma la brezza non ha mai superato i tre nodi di intensità e poco dopo le tre del pomeriggio ha gettato la spugna e gli equipaggi sono rientrati in porto. Il programma di domani, giornata conclusive prevede nuovamente la disputa di regate a bastone e tutti sperano che Eolo, sia benevolo con i velisti della GP42 Quebramar Cup 2008. La classifica rimane dunque invariata: 1) Desafio- 3, 1, 1 – 5 punti 2) Canarias Puerto Calero – 2, 3, 4 – 9 punti 3) Airis – 6, 2, 2 – 10 punti 4) Madrid – 1, 4, 6 – 11 punti 5) Near Miss – 4, 9, 3 – 16 punti 6) Roma 42.2 – 5, 9, 5 – 19 punti 7) MC Seawonder 007 – 7, 5, 7 – 19 punti 8) Roma Roma – 8, 6, 8 – 22 punti Hanno detto: Jose Maria Van der Ploeg, Skipper – MADRID – Campione olimpico e d’altura spagnolo E’ stata una giornata difficile, il vento completamente assente e credo che il comitato avrebbe dovuto dare l’intelligenza (segnale di attesa) a terra, invece di mandare la flotta in mare. La nostra barca è uscita dal cantiere solo quindici giorni fa e, ovviamente, è la prima volta che ci navighiamo e che la proviamo. Non ci siamo mai allenati insieme e non abbiamo avuto tempo di adattare la barca e l’equipaggio alle diverse condizioni, che sono un fattore a nostro sfavore. Nella prima prova abbiamo regatato molto bene e abbiamo vinto con un margine di 4 minuti. Anche nella seconda prova e ieri invece non siamo stati così continui e non siamo stati in grado di ripeterci. Abbiamo fatto delle brutte partenze, a causa di errori di comunicazione fra il tattico e il resto dell’equipaggio, ma, d’altra parte è la prima volta che navighiamo insieme. Ho fiducia nel mio team e, anche se siamo appena arrivati nella classe, posso disporre di campioni olimpici e mondiali. La classe ha solo due anni di vita e spero che in breve tempo otterremo dei buoni risultati. Gli ingredienti ci sono tutti. I GP42 sono barche davvero spettacolari.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.