Louis Vuitton Pacific Series: Alinghi Battuto da Shosholoza

I sudafricani di Shosholoza ribaltano Alinghi AUCKLAND, NZ – Il più grosso scossone della giornata è venuto dal match tra il team sudafricano Shosholoza e il detentore dell’America’s Cup, lo svizzero Alinghi. A zero punti dopo tre giorni di regate, i sudafricani guidati dallo skipper italiano Paolo Cian si sono presentati agguerritissimi contro gli svizzeri guidati dal due volte vincitore dell’America’s Cup, l’americano Ed Baird. Nel corso del prolungato dialup di pre-partenza, il timoniere italiano di Shosholoza ha fatto una performance virtuosa. Cian ha controllato in modo superbo, riuscendo a lanciare la sua barca in velocità oltre la linea con tre lunghezze di vantaggio rispetto all’avversario. Di lì in poi le due barche hanno regatato in fase con i salti di vento, ma la cavalcata di Shosholoza verso una vittoria storica non è più stata messa in discussione. “E stato il classico start che ci si ricorderà per un bel po’”, ha detto Cian. Le condizioni meteo erano perfette per la regata, la giornata limpida, una brezza variabile e calda da nord-est tra i 14 e i 16 nodi con mare piatto nel canale di Rangitoto. Nelle altre regate, BMW Oracle Racing ha sconfitto Damiani Italia per 52 secondi in una regata ravvicinata nei primi tre lati. I due avversari partivano da un punteggio di due pari nel loro girone. La pre-partenza è stata relativamente tranquilla, con BMW Oracle che è andata a partire in velocità da destra, mentre la coppia Bruni/Vascotto è andata a sinistra, per poi virare a destra immediatamente. Coutts ha virato davanti ed è andato a sinistra, ma Vasco ha beneficiato di un salto di vento e si è portato davanti. È stato però per poco e BMW Oracle si è presentata in testa alla boa di bolina, con 21 secondi di vantaggio. Nel lato di poppa gli italiani hanno guadagnato terreno mentre le due barche regatavano su mura opposte, separate di 450 metri, con Damiani Italia a soli 8s di distacco nel passaggio del cancello di poppa. Il lato successivo è stato caratterizzato da aria proveniente da direzione variabile dall’isola di Rangitoto, ed entrambe le barche hanno preso i giusti salti di vento, prima che BMW Oracle guadagnasse parecchio in prossimità della boa, portando il suo vantaggio a sei barche di lunghezza. L’equipaggio di Vascotto e Francesco Bruni non è riuscito più a recuperare, chiudendo il match con un ritardo di 55s. La francese Pataugas K-Challege ha combattuto bene contro Emirates Team New Zealand nel primo lato di bolina, ma poi i kiwi si sono imposti per 1m38s. Il velista greco Theodoros Tsoulfas di Greek Challenge, invece, ha preso oggi il timone contro gli inglesi di TEAMORIGIN ed è riuscito a tenere un margine stretto per due lati: poi gli inglesi sono andati a vincere per 58s. Alla fine del primo round robin questo il punteggio: Gruppo A – Emirates Team New Zealand, 4; BMW Oracle Racing, 3; Damiani Italia Challenge, 2; Pataugas K Challenge, 1; China Team, 0. Gruppo B – TEAMORIGIN, 4; Alinghi, 2; Luna Rossa, 2; Team Shosholoza, 1; Greek Challenge, 0. Dopo una giornata di riposo, le regate riprenderanno giovedì con il secondo round robin. I mgigliori piazzati fino ad oggi regatano nella Gold fleet: Alinghi su NZL 84 incontrerà TEAMORIGIN su NZL 92, Damiani Italia Challenge su NZL 84 se la vedrà contro Emirates Team New Zealand su NZL 92, mentre BMW Oracle Racing in NZL 92 incontrerà Luna Rossa su NZL 84. Nella Silver Fleet, Pataugas K-Challenge su USA 87 sarà opposto a Greek Challenge su USA 98, mentre Team Shosholoza su USA 87 incontrerà China Team su USA 98. Il sito dell’evento – www.louisvuitton-pacificseries.com – è andato online questa sep timana in inglese, francese ed italiano. I resoconti delle regate, I comunicati stampa, gli articoli e le foto saranno aggiornati giornalmente. Il sito includerà anche un link per seguire in streaming il commento radio delle regate originato da Radio BSport Sailing 103 FM di Auckland. Le Louis Vuitton Pacific Series sono organizzate in collaborazione con il Governo della Nuova Zelanda, Emirates Team New Zealand, il Royal New Zealand Yacht Squadron, la Città di Auckland e SKYCITY Entertainment Group.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.