Luna Rossa Pareggia: 4 – 4

05 Feb 00 16:30 (ora locale) AUCKLAND, NUOVA ZELANDA FINALI LOUIS VUITTON CUP – LUNA ROSSA ITA 45 CONTRO AMERICAONE USA 61: 4 – 4 Luna Rossa del team Prada ha vinto oggi per 37 secondi l’ottava regata delle Finali della Louis Vuitton Cup contro AmericaOne. I due team sono ora pari in classifica con 4 punti. La regata di domani sarà decisiva poiché il vincitore si aggiudicherà la Louis Vuitton Cup e accederà alla Coppa America contro Team New Zealand. Il Comitato di Regata dava il via al match in perfetto orario alle 13.15 ora locale, con vento da SW intorno a 15 nodi e mare calmo. Luna Rossa entrava nella zona di pre-partenza da destra. Francesco de Angelis e Paul Cayard iniziavano subito un aggressivo “circling” molto ravvicinato; a poco più di un minuto dal via Luna Rossa si ingaggiava da poppa sottovento ad AmericaOne, costringendo Cayard a virare per mantenersi discosto come previsto dal regolamento. Luna Rossa procedeva in velocità mure a dritta verso l’estremità sinistra della linea, mentre Cayard si dirigeva verso la parte opposta e tagliava il via, con un ritardo di 2 secondi, accanto al Comitato di Regata. Le due barche procedevano appaiate mure a dritta verso la parte sinistra del campo di regata; il vento girava un po’ a destra favorendo Cayard, ma Luna Rossa, con un ottimo passo, riusciva a mantenere un leggero vantaggio sull’avversario. AmericaOne virava e de Angelis rispondeva immediatamente per mantenersi in una posizione di controllo tra l’avversario e la boa. Su quel bordo Luna Rossa riusciva a raggiungere la lay-line (la rotta ideale di ingresso in boa) della prima boa registrando un vantaggio di 20 secondi su Cayard, che invece era costretto a effettuare due virate in più per raggiungere la boa. Entrambi gli equipaggi issavano lo spinnaker; de Angelis rispondeva immediatamente a tutti gli attacchi di Cayard marcandolo da vicino. Verso la fine del primo lato di poppa le due barche si trovavano affiancate, con Luna Rossa ingaggiata da sottovento; entrambe issavano il fiocco, poi de Angelis orzava su Cayard che era costretto a manovrare per tenersi discosto. La barca americana straorzava; Grael esponeva la bandiera di protesta e gli Umpire (i giudici sull’acqua) infliggevano una penalità a Cayard. Luna Rossa, ben oltre la lay-line, ammainava lo spinnaker e girava la boa di sottovento con un vantaggio di 19 secondi, mentre l’equipaggio di AmericaOne si trovava in difficoltà con la manovra di ammainata. Per tutta la seconda bolina de Angelis marcava da vicino AmericaOne, effettuando ben 20 virate. Paolo Bassani, prodiere di Luna Rossa, veniva issato in cima d’albero per risolvere un problema con una drizza. Al termine della seconda bolina Luna Rossa registrava un vantaggio di 30 secondi, 11 secondi in più rispetto alla boa precedente. Nel corso della poppa successiva AmericaOne riusciva a guadagnare terreno su Luna Rossa grazie a un leggero salto di vento a suo favore; de Angelis girava la seconda boa di sottovento con un vantaggio di 17 secondi. Nella terza ed ultima bolina Cayard attaccava con una serie prolungate di virate a cui de Angelis rispondeva immediatamente per non lasciare alcuna via di fuga all’avversario. All’ultima boa di bolina Cayard registrava uno svantaggio di 16 secondi, con il giro di penalità ancora da effettuare. Il vento calava fino a 10 nodi ed entrambi gli equipaggi issavano il gennaker, la grande vela asimmetrica utilizzata con vento leggero. AmericaOne guadagnava terreno, mentre l’equipaggio di Luna Rossa aveva dei problemi con il tangone del gennaker. Cayard inseguiva la poppa di Luna Rossa sfruttando l’onda della barca italiana e cercando di stabilire l’ingaggio. Le barche si dirigevano appaiate verso il traguardo, Luna Rossa puntando in centro linea, AmericaOne a sinistra con il fiocco issato pronti a effettuare il giro di penalità. Luna Rossa tagliava la linea d’arrivo con un vantaggio di 37 secondi su AmericaOne. Francesco de Angelis ha dichiarato: “Queste regate sono state difficili; le possiamo paragonare un po’ a un pendolo che oscilla tra l’uno e l’altro team. Stamattina abbiamo mollato gli ormeggi determinati a dare il meglio e domani faremo la stessa cosa”. RISULTATI DI OGGI – REGATA 8 delle finali AmericaOne vince contro Prada Challenge (37 secondi) CLASSIFICA DOPO L’OTTAVO GIORNO DELLE FINALI (ogni vittoria vale 1 punto) 4 pti – USA 61 (AmericaOne) 4 pti – ITA 45 (Luna Rossa) CONDIZIONI METEO DI OGGI Vento da SW, 3-15 nodi. Un’area di alta pressione rimane stazionaria sul Mare di Tasmania. Cielo prevalentemente sereno; nuvolosità sparsa in mattinata. Onda nulla in mattinata; in aumento fino 0.3 metri nel pomeriggio. EQUIPAGGIO DI OGGI 1. Prodiere, Paolo Bassani 2. Aiuto prodiere, Massimiliano Sirena 3. Albero, Simone de Mari 4. Pozzetto, Cristian Griggio 5. Aiuto pozzetto/volante, Vittore Vattuone 6. Grinder sx, Massimo Galli 7. Grinder dx, Romolo Ranieri 8. Tailer sx, Claudio Celon 9. Tailer dx, Stefano Rizzi 10. Grinder/tailer, Lorenzo Mazza 11. Stratega*, Michele Ivaldi 12. Aiuto randista, Piero Romeo 13. Randista, Pietro D’Alì 14. Timoniere, Francesco de Angelis 15. Tattico, Torben Grael 16. Navigatore, Matteo Plazzi *Lo stratega è la persona che fa da tramite tra il centrobarca e il timoniere, tattico e navigatore. PREVISIONI METEO PER DOMANI Vento da WSW, 10-15 nodi. Cielo prevalentemente coperto. PERCORSO DI REGATA A bastone, lungo 18.5 miglia; sei lati complessivi, ossia tre lati di bolina e tre lati di poppa; il primo e l’ultimo lato sono lunghi 3.25 miglia, i restanti 3.00 miglia.

sull'autore

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.