Nauticsud: Bilanci Positivi

Il 33 Nauticsud si chiude con un bilancio positivo: ad un numero di aziende partecipanti sostanzialmente uguale a quello dello scorso anno si aggiunge una nuova importante presenza, quella del Cantiere Gianetti che ha esposto il 45′ Sport. Finalmente il Salone della nautica di Napoli ha avuto un’ammiraglia veramente degna di nota: il Panther 80′ dei Cantieri di Baia, che ha confermato il trend di crescita , in termini di dimensioni, delle imbarcazioni proposte sul mercato rivolto all’area mediterranea. Grande apprezzamento per sezione in acqua  da parte di operatori e  visitatori. Una nuova dimensione, quella dei “padiglioni” a mare, che verrà certamente ampliata in futuro, sia per disponibilità di posti sia per sep tori merceologici. Le barche a vela, anche grazie all’area a mare, sono state decisamente più numerose che nelle passate edizioni e hanno così soddisfatto l’interesse degli appassionati: ben 16 e dei Cantieri più importanti: Jeanneau, Beneteau, Gib Sea, Barberis e Dufour,  più il catamarano Nautitech. Una conferma positiva anche per l’area destinata alle imbarcazioni in legno: SaGoMe (salone del gozzo mediterraneo) che  si propone di promuovere l’imbarcazione tipica di questa zona, con una grande varietà di modelli. Anche in questo sep tore c’e’ stato un vivo interesse da parte del pubblico. Molto apprezzati tutti gli appuntamenti che gravitano intorno al Nauticsud , a partire dal convegno di apertura sul nuovo testo di legge per la nautica da diporto presentato dal Senatore Mauro Cutrufo e dall’On.le Italico Perlini. Incontri e premiazioni della Lega Navale Italiana , presentazione dei libri di Carlo Sciarrelli, sulla progettazione delle barche a vela,  e di Piero Giaculli ,su  Chiapas e Yucata’n; le premiazioni dei campionati di vela e la presentazione della Velalonga, per citarne alcuni. La presenza del Team di Mascalzone Latino ha poi entusiasmato giovani e meno giovani che hanno potuto dialogare con gli atleti, in attesa della grande sfida. Come di consueto i nove giorni dedicati alla nautica da diporto lasciano ampio spazio ai temi che possono rafforzare l’amore e la cultura per il mare. Un target di riferimento decisamente molto più qualificato  che negli anni passati: grazie un mailing mirato, non più una folla di curiosi, ma un pubblico più competente e seriamente interessato. Circa 100mila i visitatori che hanno potuto ammirare le imbarcazioni esposte in aree qualitativamente  migliorate  e meglio strutturate che negli anni passati. I concerti e gli spettacoli di artisti di grande livello organizzati per  “incontridoltremare” nell’ambito del Nauticsud, sono stati molto apprezzati , riscuotendo un grande successo tra gli operatori e i visitatori che , spesso, hanno deciso di prolungare la giornata trascorsa alla Mostra, concedendosi due ore di divertimento. Prima ancora di giungere al termine del 33 Nauticsud la Mostra ha attivato sinergie con organizzatori di  altre iniziative analoghe, in particolare con la Fiera di Rimini sono stati presi accordi programmatici anche per la stesura di un calendario fieristico inteso ad ottimizzare l’offerta . In ogni caso la Mostra d’Oltremare intende cavalcare l’onda del grande fermento intorno ai saloni nautici puntando sempre di più sulla qualità.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.