Navigando nel Grande Mare della Solidarieta’

Veleggiare, divertirsi a magari aiutare il prossimo. E’ lo slogan di “Navigando nel grande mare della solidarieta’”, incontro-dibattito che da 5 anni viene promosso lungo le rive del Garda Lombardo e in programma per sabato e domenica (5-6 maggio). Le associazioni non profit si ritroveranno (domani mattina ore 9) nella vecchia palestra delle scuole elementari di Toscolano-Maderno per dialogare con gli studenti delle medie superiori. Tra le nuove iniziative c’e’ un progetto di Scienze Motorie dell’Università di Verona e già attuato, da un gruppo di tetraplegici. Altra iniziativa è “Hayak” che vede coinvolti i malati mentali del reparto di Psichiatria del nosocomio gardesano di Salo’. Da La Spezia arriverà il gruppo di “Vele senza frontiere”. “Argo”, cooperativa del Trentino, intende tramandare l’arte della costruzione navale grazie a detenuti in semi libertà. Un video di Syusy Blady e Patrizio Roversi, spiegherà come i “Turisti” della Tv diventeranno “Velisti per caso” con il coinvolgimento della cooperativa Bolina. Infine l’operazione “Azzurro-Garda by Pompea” per supportare i Campionati del mondo per non vedenti nel 2002. Saranno delle calze colorate di “Azzurro” cosi’ come in Nuova Zelanda erano rosse per finanziare la difesa della America’s Cup. Il tutto in nome dello sport velico che lungo le rive del Garda è oramai materia del tempo pieno in molte delle scuole dell’obbligo. Dalla chiacchiere si passerà ai fatti domenica 6 maggio con la sfida di “Porta in barca un’amico” al largo di Bogliaco di Gargnano con la veloce carena dell’Asso 99.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.