Nerone È il Campione Europeo della Classe Farr 40

Massimo Mezzaroma riconquista il titolo, già suo nel 2007. Sul podio anche Struntje Light e, terzi a pari merito, Barking Mad e Mascalzone Latino Cagliari, 1° agosto 2009 – Per gioire è bastata una regata. Con una prova d’anticipo è arrivata la certezza matematica e, con questa, la vittoria di Nerone nel Regione Sardegna Campionato Europeo Farr 40, che si è chiuso oggi a Cagliari dopo quattro giorni organizzati dall’Assindustria della Sardegna Meridionale con Società Canottieri Ichnusa e Sandalion Mare Club. L’equipaggio capitanato dall’armatore Massimo Mezzaroma ha riconquistato il titolo, che aveva vinto nel 2007 a Porto Cervo e perso l’anno dopo a Travemunde, per mano di un Mascalzone Latino incapace di ripetersi, finito comunque sul terzo gradino del podio a pari merito con Barking Mad, in scia a Struntje Light dell’armatore tedesco Wolfgang Schaefer. sep timo posto e prestazioni soddisfacenti per i debuttanti sardi di Janas Racing Team. Per i neocampioni il successo cagliaritano corona una stagione già superlativa, scandita dalla vittoria a Miami dell’Acura Grand Prix e dal secondo posto nel campionato mondiale di Porto Cervo. Nel Golfo degli Angeli, anche grazie a condizioni di vento regolare e mai eccessivo, Nerone ha costruito un ruolino di marcia implacabile: su dieci regate corse, ne ha vinte la metà. Le ultime venerdì. Oggi infatti ha preferito non rischiare, e gestire il vantaggio accumulato nei primi giorni di campionato, il quarto corso dai velocissimi monotipo disegnati da Bruce Farr. Oggi dunque spazio agli avversari, in lizza per il secondo posto o un attimo di gloria. Questo il caso del campione mondiale in carica Barking Mad di Jim Richardson. Dopo un inizio di campionato dietro le quinte, ieri ha lasciato Cagliari a testa alta: sua la vittoria del primo bastone, sul campo di regata che il comitato presieduto da Peter Luigi Reggio ha voluto al largo del Poetto. Seconda posizione per Mangusta Risk di Andrea Canavesio e Struntje Light. Con un quinto di prova, Nerone ha colto il peggiore e insieme miglior piazzamento, e festeggiato il titolo. La brezza di scirocco ha retto abbastanza per disputare la decima prova, sempre all’insegna dell’Italia. Mangusta Risk, guidata dalle scelte tattiche di Francesco Cruciani, ha anticipato in successione Mascalzone Latino, Nerone e Barking Mad. Una prova che ha reso definitivo il secondo posto di Struntje Light e assegnato il bronzo agli statunitensi, favoriti su Mascalzone Latino dalla regola della risoluzione della parità. “Con questa vittoria ci sentiamo tornati alla velocità e forma di un paio di anni fa, in una terra che ormai sentiamo come casa nostra”, ha affermato al rientro in banchina Massimo Mezzaroma, armatore di Nerone, tra una stretta di mano e una pacca sulla spalla, “mi ha rinfrancato vedere che in Sardegna esista un altro contesto stupendo oltre alla Costa Smeralda: Cagliari ci ha regalato emozioni nuove. Come quella di battere i campioni del mondo, in un’edizione davvero combattuta che dimostra come Farr 40 sia una delle classi più vive e divertenti, per chi regata e per chi assiste”. Soddisfatti anche gli organizzatori. “Anche se ridotta, la presenza è stata un concentrato dei migliori della flotta”, ha commentato al termine della premiazione Luciano Randaccio, responsabile della Commissione Grandi Eventi dell’Associazione Industriali e presidente del Sandalion Mare Club, “il riscontro è stato positivo, per l’ospitalità e l’alta professionalità mostrata in ogni aspetto dell’organizzazione. La classe ci ha già chiesto la disponibilità a ospitare una tappa del circuito europeo 2010: lo faremo più che volentieri, anzi ci sentiamo pronti ad aderire ad altri progetti, purché si lavori insieme a tutte le istituzioni del territorio”.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.