40HP and Active Trim Pack - Testa (970x160)

Partito il G8 dei Ragazzi a Bordo di Nave Italia

20 adolescenti di tutto il mondo, sep te dei quali portatori di disagio e di handicap, salpano da Civitavecchia e navigano per creare un documento sulla diversità. Sarà portato all’attenzione del G8 Summit de l’Aquila Civitavecchia, 1 luglio 2009 – Ha preso il via da Civitavecchia il G8 dei Ragazzi, (Young People G8, YPG8), che si svolgerà a bordo di Nave Italia, il brigantino di 61 metri che la Fondazione Tender to Nave Italia Onlus (creata dallo Yacht Club Italiano e dalla Marina Militare) ha destinato al recupero di persone affette da disagi fisici e psichici. Cosa è il G8 dei Ragazzi – YPG8 Il G8 dei ragazzi è un progetto di comunicazione sociale ideato dalla Fondazione Tender to Nave Italia Onlus e costruito insieme al Governo Italiano, alla Protezione Civile con la collaborazione dell’Ufficio Sherpa G8. Un’iniziativa parallela a quella dell’Unicef Junior 8 Program, che sin dal 2005 raccoglie le istanze di adolescenti di tutto il mondo, selezionati come migliori rappresentanti dei Paesi coinvolti nel G8 Summit. Dal 1 al 7 luglio 20 adolescenti di tutto il mondo – sep te dei quali portatori di disagio e di handicap – navigano a bordo di Nave Italia per raggiungere l’Isola di Montecristo e andare alla ricerca di un tesoro nascosto: la valorizzazione della diversità. Durante la navigazione il gruppo di ragazzi elaborerà infatti un documento incentrato sul concetto di “diversità” da vivere come risorsa e non come problema. Il documento metterà in risalto il punto di vista degli adolescenti che, capaci di guardare il mondo in maniera originale, fanno capire che la diversità – sia essa rappresentata dall’handicap, dall’etnia, dalla religione o dal credo politico – non è un ostacolo ma ragione di crescita e di speranza. I ragazzi, inoltre, parteciperanno attivamente alla vita di bordo e affronteranno laboratori di formazione per ottimizzare il senso di squadra e l ‘appartenenza a un gruppo, imparando a farsi carico del più fragile tra loro. Al termine della navigazione, (7 luglio), il gruppo accoglierà a bordo bambini e ragazzi della tendopoli di Coppito – Murata Gigotti de L’Aquila e condividerà con loro il documento rivolto ai Leader presenti al G8. Il gruppo a bordo di Nave Italia Questa la composizione del gruppo di adolescenti (tra i 14 e i 17 anni) imbarcato su Nave Italia: 14 ragazzi provenienti dai 14 Paesi rappresentati al G8 5 ragazzi portatori di disagio 1 ragazzo disabile che vive nelle tendopoli dell’Aquila Il gruppo è affiancato da due educatori esperienziali e da un facilitatore oltre che dall’equipaggio della Marina Militare, specificamente formato, che abitualmente gestisce Nave Italia. Le tappe del viaggio 1- 7 luglio 2009 G8 dei Ragazzi – Nave Italia salpa da Civitavecchia con a bordo 20 adolescenti provenienti da tutto il mondo per raggiungere l’Isola di Montecristo, alla ricerca di un tesoro fatto di solidarietà e di inclusione della diversità. 7 luglio 2009 Accoglienza dei ragazzi delle tendopoli – Nave Italia rientra a Civitavecchia e accoglie 27 bambini ragazzi di età compresa tra gli gli 8 e i 17 anni ed i relativi accompagnatori provenienti dal Campo Coppito Murata Gigotti di L’Aquila per un giorno di navigazione durante il quale condividere storie, dimenticare le paure e scoprire il senso del Summit del G8. Chiuderà uno spettacolo musicale di burattini a cura di Human Arts. 9 luglio 2009 Incontro con la delegazione JUNIOR 8 di UNICEF: Il documento redatto durante la navigazione sarà discusso con i ragazzi del Junior 8 di UNICEF, riuniti a Roma presso l’ISA, Istituto Superiore Anti – incendi. Una delegazione del Junior 8 si recherà poi al G8 Summit de l’Aquila per presentare ai Grandi le idee condivise dagli adolescenti. I risultati attesi Il documento realizzato dagli adolescenti durante il “G8 dei ragazzi” diventerà un prodotto multimediale e multilingue, che verrà messo in rete. Una pubblicazione multimediale in italiano e inglese sarà realizzata come libro di esordio della nuova collana “L’Albero Maestro”, a cura della Fondazione Tender to Nave Italia Onlus (Ed. Erickson 2009). I ragazzi predisporranno inoltre un blog multilingue che potrà essere consultato dai ragazzi delle scuole di tutto il mondo. I partner del progetto Il progetto è realizzato con fondi privati, senza contributo pubblico. Tuttavia la collaborazione di Protezione Civile e Corpo Forestale dello Stato è stata essenziale. Promotori Benemeriti sono: Fincantieri, Siad, Telecom Italia, Unicredit.

sull'autore

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.