Paul Cayard Poco Prima di Capo Horn

Questo è il racconto di Paul Cayard a 10 ore da Capo Horn. Al momento hanno circumnavigato il terribile punto solo ABN AMRO 1 e Pirates of the Caribbean. Posizione: 57,18.43S , 74,29.29W Velocità: 25 knots, Rotta: 83 deg. Siamo a 247 miglia ad Ovest di Capo Horn. 9:40 da percorrere al momento e un po’ più di vento davanti. Siamo al traverso con fiocco da lasco, trinchetta e una mano di terzaroli. È buio, non c’è la luna, ma stanotte sarà buio solo per 4 ore perché siamo a 57 gradi di Latitudine Sud. Movistar ci ha appena superato a 2 miglia sottovento. Questo giustifica la mia decisione di 3 giorni fa quando abbiamo strambato per spostarci verso Est dove pensavamo che saremmo dovuti andare. Quella manovra ci ha fruttato 16 miglia e a loro sono serviti 3 giorni per arrivarci dietro. Dobbiamo continuare a cercare i giusti spostamenti su movistar e ABN AMRO 1 in queste condizioni di alta velocità.    Poco dopo che ci hanno superato hanno ammainato il loro spinnaker e hanno iniziato a orzare. Con la rota che abbiamo, stramberemo tutti vicino a Capo Horn con 35 nodi di velocità. Far strambare una di queste “cose” è un grande progetto. Devi completamente spostare tutto sottocoperta prima della strambata, poi riportare le vele sopra coperta e sopravvento, che è la cosa più sicura da fare, ma comporta un lavoro estremamente duro e lungo. Oppure strambi con le vele già spostate sottovento, cosa che rende la strambata un po’ più pericolosa per lo skipper, perché il timone è sbilanciato. Controlliamo la rotta forzandola a un punto offshore abbastanza lontano, in modo da evitare di strambare. Ovviamente questo non è il modo migliore per girare intorno al corno (il software della rotta ha calcolato l’ottimale) ma io volevo vedere che cosa significa essere prudente per essere ottimali. È venuto fuori che la differenza di tempo tra l’ottimale (che richiede 2 strambate e non c’è un conto nella rotta per il costo di una strambata) e regatare più offshore e contro la rotta, era di circa 20 minuti.     Così noi abbiamo tenuto il nostro spinnaker su per circa 3 ore in più di movistar e abbiamo continuato a tenere la rota per Sud-Est per un po’. Poco prima che facesse notte, siamo andati con una velatura più facile e sicura, che stiamo portando ancora. In questo momento stiamo preparando tutto per passare Horn. Non penso che siamo andati abbastanza lontani pertanto penso che sistemeremo lo spinnaker alla prima luce del giorno e cercheremo di andare un po’ più “profondi’ e più bassi sulla rotta. Per farla breve, c’erano due motivi per cui abbiamo deciso di approcciare l’Horn in modo diverso da movistar: il primo è che se li avessimo seguiti ci avrebbero probabilmente battuti; il secondo, che è probabilmente la ragione principale, volevo evitare di strambare due volte a 35 nodi fuori da Capo Horn. Sopra – un passaggio più sicuro e un possibile pass; sotto – nulla. Ma anche se tutto è stato calcolato e gestito, non dormirò fino a quando non avremo girato intorno al CORN-er. Al momento abbiamo le stesse vele e le stesso condizioni meteo della prima notte di questo giro del mondo dopo aver lasciato Vigo, quando abbiamo perso le “bombers doors” della chiglia. Stiamo andando fino a 30 nodi e sbattiamo giù dalle onde nella notte e il timoniere non vede dove atterriamo. La chiglia sta borbottando. Lei borbotta sempre più man mano che andiamo più veloci. Il fracasso e lo sbattimento producono come rumori di vetri rotti dentro la barca. La chiglia sta borbottando.  Abbiamo una perdita nella nostra boccola del timone e il flusso della perdita aumenta man mano che andiamo più veloci – più secchi all’ora.  Ma stiamo andando a girare verso Capo Horn in circa 10 ore! Questo sarà uno dei più importanti momenti della mia carriera di velista, anche se per la terza volta. Regatare da Wellington all’Horn è come una maratona. Ci abbiamo messo così tanto lavoro e sforzo per arrivare qui che è bello raggiungere questa pietra miliare. Dobbiamo celebrare. Non so come, probabilmente solo con il fatto che nessuno di noi se lo dimenticherà mai nella sua vita. PC Pirates of the Caribbean

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.