Route Du Rhum: 8 Giorni al Via

“Ci siamo. Da mercoledi’, e quindi perfettamente in orario sui tempi previsti dal regolamento, siamo qui a Saint Malo, pronti per il via. Per un momento abbiano rischiato, assieme ad altri trimarani che come noi erano a Lorient, di arrivare in ritardo a causa delle tempeste continue che hanno spazzato il golfo di Biscaglia e la costa ovest della Bretagna ma poi, grazie a una “finestra” siamo partiti e arrivati abbastanza velocemente e senza problemi. Ci siamo quasi tutti. Dei 18 trimarani 60′ Open manca solo Michel Desjoyeaux che ha qualche lavoretto da completare. Gli altri sono qui attorno e il colpo d’occhio di 17 trimarani da 60′ tutti assieme è davvero notevole. Ci stiamo preparando con gli ultimi controlli e le ultime verifiche. Su TIM è tutto tranquillo. Sarà una regatona!” Queste le parole di Giovanni Soldini. Ecco TIM e i suoi avversari Questi i 18 trimarani 60′ Open ORMA iscritti alla Route du Rhum. Assieme alla cifra record di 59 partenti, sono un primato per la regata francese giunta alla sep tima edizione. 1. Giovanni Soldini TIM 2. Yvan Bourgnon Rexona men 3. Frank Cammas Groupama 4. Thomas Coville Sodebo 5. Betrand De Broc Banque Covefi 6. Michel Desjoyeaux Géant 7. Karine Fauconnier Sergio Tacchini 8. Alain Gautier Foncia 9. Marc Guillemot Biscuits la Trinitaine-Team EtHypharm 10. Francis Joyon Eure et Loir-Lorénove 11. Jean Le Cam Bonduelle 12. Lionel Lemonchois Gitana X 13. Frédéric Le Peutrec Bayer CropScience 14. Philippe Monnet Sopra Group 15. Jean Luc Nelias Belgacom 16. Loick Peyron Fujifilm 17. Steve Ravussin TechnoMarine-Match TV 18. Lalou Roucayrol Banque Populaire Verifiche e controlli di stazza A partire da oggi le barche iscritte alla Route du Rhum saranno sottoposte ai controlli di stazza, in particolare per quanto riguarda le dotazioni di sicurezza. Oltre a zattere, telefoni e apparecchiature satellitari, compreso un Argos, e mille altre cose a bordo di TIM i giudici controlleranno che si siano anche due ancore, una principale e una secondaria, e la relativa dotazione di catena e cavo. Il regolamento ORMA prescrive che a bordo dei trimarani 60′ Open, sia nelle regate di Grand Prix sia nelle oceaniche, ci siano un’ancora del peso minimo di 6,8 kg e una di non meno di 4,5 kg. Ritardo costoso Visto che le chiuse che regolano il livello del bacino del porto di Saint Malo restano aperte fino alle 14 è da quest’ora di ieri, 1′ novembre, che scatta la penalità per chi non è agli ormeggi assegnati. La “multa” per chi, come Michel Desjoyeaux con il suo Ge’ant, non è al suo posto è abbastanza salata: 1000 – ogni 24 ore di ritardo. Michel prevede di arrivare domenica o lunedi’. Un mito in regata E’ arrivato ieri a Saint Malo, e quindi perfettamente in orario per prendere il via, Mike Birch, il vincitore della prima edizione della Route du Rhum nel 1978. Birch, che tra l’altro proprio ieri festeggiava i 71 anni, sarà in regata a bordo dell’ex Uunet, un Open 60 progettato da Philippe Briand, varato nel 1989 e con il quale Philippe Monnet stabilì il record del giro del mondo controvento con 151 giorni.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.