Sole per l’Ennesima Giornata di Test del Nuovo Surf Olimpico

Finalmente il sole per i “Test” del nuovo surf olimpico promossi sul Garda Trentino dall’Isaf, la Federvela mondiale Ennesima giornata di test e regate. Le velocità elaborate da un sofisticatissimo sistema satellitare. Non ci sarà un verdetto in questi giorni ma solo utili indicazioni per la designazione ufficiale prevista a novembre. Le indiscrezioni danno favorito un modello libero nella costruzione a “Formula” con una pinna di deriva, tavola definita “ibrida”. Torbole (lago DI GARDA TRENTINO). Chi sperava di sapere quale sarà la nuova tavola a vela olimpica dai Giochi di Pechino in poi rimarrà deluso. Dopo questa serie di Test l’Isaf rimanderà il tutto alla sua annuale riunione prevista per il mese di novembre. La penultima giornata dell’ ISAF Olympic Equipment Evaluation Event per le tavole a vela, non ha portato sostanziali novità al programma: una serie di prove di velocità un po’ in tutte le condizioni che il Garda sta offrendo in queste giornate non certo primaverili. Tra gli ospiti è comparso anche qualche raggio di sole. Ogni singola prova di velocità viene elaborata grazie ad un sofisticato sistema via satellite. Ogni atleta ha poi la possibilità di dire la sua sulle caratteristiche dei vari modelli. Le indiscrezioni parlano di una scelta orientata su una tavola della “Formula Windusrfing”, modello costruito grazie appunto ad una “Formula” con l’aggiunta di una deriva che dovrebbe garantire buone prestazioni con vento molto leggero, dai 0 ai 5 nodi. Ad osservare questi Trial si è visto ieri tutto lo staff della Isaf con alla testa il Presidente Paul Henderson e quello della Federazione Italiana Sergio Gaibisso oltre al californiano Jim Drake, l’inventore nei primi anni ’60 della tavola a vela, quando decise di applicare uno “Snodo” montato poi una vela sulla sua tavola da surf da onda. Il futuro olimpico parte dunque da qui, dalle rive del lago di Garda. E sempre qui, da marted„ a sabato della prossima sep timana, si disputerà il Garda Trentino Fomula Windsurfing European Championship, il campionato continentale che vedrà al via un po’ tutta l’attuale produzione. I modelli sotto “osservazione” sono lo “Starboard Z”, il PD Project, due modelli questi ultimi che sembrano aver provocato i maggiori interessi, il Gaastra e il Neil Pryde Formula, due tavole proposte dalle due più importanti velerie al mondo, l ‘One Design Olympic della Board e More con il marchio Mistral (di fatto l’attuale modello olimpico che sarà usato ancora ad Atene), e altri due modelli sempre marchiati Mistral, l’One Design (la sua versione Formula di serie) e il Prodigy, infine c’è il Board e Less canadese. Importantissimi saranno i giudizi dei surfer. L’Italia è rappresentata da Andrea Cucchi, il surfer gardesano Campione del mondo Isaf nel 2002. Gli Usa hanno portato il campione del mondo Pwa dei profesionisti Micah Buzianis. Gli altri atleti sono i titolatissimi Marius Golinski e Pawel Hlavaty (Polonia), Ho Chi Ho (Hong Kong), Nicolas Huget (Francia), Fernardo Lodos (spagna), Toni Wilhelm (Germania); tra le donne c’è l’argento di Sydney 2000 la tedesca Amelie Lux, la francese Faustine Merret, le inglesi Helen Cartwiright e Christine Johnston, la polacca Magdalena Puciata, l’australiana Allison Shreeve. Il “Trial” trentino è promosso grazie al contributo di tutti gli Enti provinciali e locali: APT del Gardatrentino, gli Assessorati dello Sport e del Turismo del PAT Provincia Autonoma di Trento, UCTS, Cassa Rurale di Arco, Graffiti 2000 Spa, Cantina d’Isera, San Pellegrino Sailing, Red Bull, Heineken e la griffe O’Neill.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.