MAREVIVO FESTEGGIA I 30 ANNI DELLA DIVISIONE SUB ALL’EUDISHOW 2019

01/03/2019Marevivo sarà presente all’EUDI per celebrare i 30 anni di attività della sua Divisione Subacquea con uno stand allo spazio SIMSI – Area Dive Doctor (Padiglione 30 corsia A). Sabato 2 marzo alle 12.30 sarà invece sul palco Ferraro i coordinatori della Divisione Subacquea Alfonso Perri, Massimiliano Falleri e Giovanni Capasso presenteranno le attività ed i risultati ottenuti in questi 30 anni, accompagnati da due testimonial d’eccezione: gli apneisti da record Gianluca Genoni e Mariafelicia Carraturo.
 
Adotta una parete” è la call to action che la Divisione di Marevivo lancerà durante l’EUDI. Un progetto che intende coinvolgere tutti i subacquei ad osservare, documentare e studiare, durante tutto l’anno, i cambiamenti che noteranno nelle zone dove generalmente svolgono le immersioni.
Per festeggiare i 30 anni sarà presentata anche l’“Operazione reti da ripescare nelle Aree Marine Protette” che la Divisione Subacquea di Marevivo tornerà a realizzare nelle acque più sensibili. L’iniziativa è patrocinata dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare.
«Tutte le attività svolte sono rese possibili grazie alla collaborazione e all’entusiasmo di una squadra di volontari attiva in tutta Italia.» ha affermato Massimiliano Falleri. «Grazie a loro abbiamo organizzato operazioni di recupero e bonifica di materiali inquinanti in mare, monitorato lo stato di salute delle nostre coste e dei fondali marini. Quest’anno puntiamo alla sensibilizzazione e al coinvolgimento di tutta la comunità subacquea in attività di Scuba Science grazie alla quale i sub, in collaborazione con esperti e professionisti, potranno attraverso le proprie segnalazioni diffondere conoscenze e contribuire alla ricerca scientifica».
 
Negli ultimi cinque anni, grazie al progetto PFU Zero con Ecotyre, oltre 8500 pneumatici fuori uso sono stati recuperati dai fondali e dai litorali italiani grazie all’intervento dei sub. Con il progetto Niente Leghe sotto i mari oltre 4000 chili di batterie esauste abbandonate in acqua sono stati portati a riva. Con gli altri progetti della Divisione Sub sono stati recuperati oltre 1500 metri di reti.
 
La Divisione Subacquea
 
Dal 1989 la Divisione Sub si occupa di coinvolgere attivamente il mondo della subacquea in iniziative finalizzate a monitorare lo stato di salute del mare, prevenire i meccanismi di degrado ed alterazione dell’ecosistema marino ed attivare azioni rivolte alla conoscenza, valorizzazione e divulgazione del patrimonio marino.
La Divisione Subacquea si avvale di un Coordinamento Nazionale il cui compito è quello di organizzare e sostenere manifestazioni in difesa del mare, contrastare situazioni di illegalità, promuovere campagne di ricerca nei fondali italiani di maggior interesse dal punto di vista biologico. Inoltre si occupa di raccogliere le adesioni di enti, circoli, associazioni, diving o singoli subacquei, nonché aiutare gli stessi nell’attuazione di iniziative rivolte alla conoscenza e alla valorizzazione del mare.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE