In acqua non la vedremo prima di un anno, ma oggi a Dussledorf, all’apertura del salone nautico, il quartier generale della Nautor, con Salvatore Ferragamo in testa, alla presenza dell’autore del progetto,  German Frers, si è riunito per presentare  alla stampa l’ultima nata: lo Swan 58.

Una prima novità sta nelle dimensioni: la Nautor non ha mai costruito una barca di questa misura anche se, per ammissione dello stesso Ferragamo, i principi fondamentiali “fanno riferimento ai modelli passati”.

Alle fondamenta dei principi costitutivi di questa barca c’è, come sempre, quello che si ispira all’idea di Blu Water Cruiser, ossia ad una barca in grado, per qualità costruttive e progettuali, di girare il mondo. Questo è il concept cui si ispira il nuovo Swan 58.

 

L’idea di realizzare una barca capace di dare comfort e prestazioni permea tutt le parti di questo nuovo progetto. A partire dalla coperta, che vede una parte poppiera dedicata al relax e all’accesso sia dalla banchina sia dal mare, sotto la quale si apre un grande garage.

Quindi la parte centrale , dedicata alle manovre, e infine la zona di prua, tutta dedicata agli ospiti e con la possibilità di “incassare” in un  apposito recesso, un grande cuscino prendisole. Il ponte è la parte in cui si concentrano le principali novità, a partrire dal pozzetto dove fanno la comparsa due tavoli modulabili in grado di assolvere a diverse funzioni: unirsi in un grande tavolo da pranzo, sdoppiarsi e lasciare il passaggio libero, abbassarsi a livello delle panche per dare origine a  due grandi prendisole. Non una novità in assoluto, ma certamente tale per quanto riguarda la produzione Nautor.

Anche gli interni sono stati progettati pensando a una barca impegnata in lunghe navigazioni in cui non si debbano pagare prezzi in termini di eleganza e comfort. Il layout standard prevede  tre cabine e tre bagni, con la possibilità di aggiungere una cabina ospiti o equipaggio a centro barca e una cabina equipaggio extra con wc e lavandino realizzata all’estrema prua. Il quadrato lungo oltre 5 metri offre molta luce naturale e ventilazione, con un’altezza superiore a 2 metri e una vista eccezionale attraverso le ampie finestre dello scafo.

Anche la cucina ha le caratteristiche tipiche di quella di una barca d’altura, con tanti piani d’appoggio e una conformazione . Cinque layout diversi per il tavolo da carteggio, disponibile nella configurazione più classica fino al possibilità di realizzare una postazione/ufficio completa di sedie e cassetti. Spazio a profusione, tanto volume per lo stivaggio e rifiniture di lusso per le tre cabine, ognuna con il proprio bagno privato.

Scheda tecnica

Lunghezza scafo  m 17,96

Lunghezza con bompresso m 19.11

Lunghezza al galleggiamento m 17,09

Larghezza massima m 5,27

Pescaggio, chiglia standard m 2.70

Immersione, chiglia bassa m 2,20

Immersione, chiglia performance m  3,60

Immersione, chiglia telescopica m 2,10/3,10

Dislocamento chiglia standard Kg 24.700

Zavorra standard chiglia Kg 7.000

Serbatoi carburante litri 1150

Serbatoi d’acqua litri 930

Zone veliche:

Randa mq 116.52

Fiocco 100% mq 97,48