Charter alle Bahamas, coralli e colori

Le Bahamas possiedono una delle più grandi formazioni coralline del mondo, seconda soltanto a quella della Grande Barriera australiana

CORALLI E COLORI

Bahamas

Quasi 700 isole, di cui solo una trentina abitate, fanno parte di questo arcipelago che, dal punto di vista della navigazione, rappresentano un vero e proprio paradiso. È per questo che le acque protette di questo paese attirano, ogni anno, moltissimi yacht che trovano facilmente ormeggio nei porti d’attracco presenti su ogni isola. A ciò si aggiunge un’incredibile organizzazione vacanziera che spazia dai villaggi turistici, tra i più tradizionali e rinomati della terra, agli alberghi di grande lusso.

La scelta giusta, che suggeriamo a qualsiasi turista, è quella di abbinare un periodo di navigazione in barca a una settimana in un villaggio o in un resort solitario. Perché le Bahamas, stato indipendente nell’ambito del Commonwealth, non rappresentano soltanto una meta esotica interessante per la natura incontaminata che possiedono: oltre a offrire acque turchesi, assolate spiagge bianchissime, dove riposare all’ombra delle palme, oltre a dedicarsi alle battute di pesca d’altura, si può anche scegliere di fare un’animata e mondana vita notturna, al suono delle steel band, o trascorrere serate ai casinò e nei locali noti dove si assiste a grandi spettacoli, alcuni dei quali giungono direttamente da Las Vegas.

Bahamas Il clima è estremamente favorevole sia d’estate, quando la temperatura oscilla tra i 25 e un massimo di 30/32 gradi in agosto, che d’inverno, con variazioni fra i 16 e i 23 gradi, con venti costanti che spirano con un’intensità fra i 5 e i 20 nodi. La stagione migliore è comunque quella estiva, quando l’acqua del mare è caldissima. L’alta stagione, quando i prezzi degli alberghi e dei servizi vanno alle stelle, inizia a metà dicembre e dura fino a metà aprile.

L’arcipelago si raggiunge facilmente dall’Italia, facendo scalo a Miami, dove la Bahamasair e numerose compagnie aeree statunitensi effettuano voli con destinazione Nassau, l’estesa e popolata capitale, Abaco, Eleuthera, Exuma, Freeport, Long Island e San Salvador. Il centro di tutto è naturalmente la modernissima Nassau, situata sull’isola di New Providence, una delle più grandi. Qui si può fare un ottimo shopping nella strada principale, Bay Street. È proprio partendo da Nassau, o dall’isola di Eleuthera, che chi ha voglia di una vacanza più avventurosa, può raggiungere, dirigendosi verso sud, gli Exumas Cays, una fila ininterrotta di isole, atolli, scogli e barriera pura, che si allunga fino ai margini del Mar dei Caraibi, dove ci si immerge nella solitudine più assoluta.

A Exuma, si possono effettuare splendide immersioni, con l’aiuto di guide locali, nei “buchi blu”, caratteristici di questa zona caraibica: in un bassofondo si aprono improvvisamente dei pozzi verticali, con un diametro di circa dieci metri, che scendono come un cilindro fino a circa trenta metri di profondità. Qui le gallerie si aprono e si ramificano, stringendosi e non rendendo sicuro il proseguimento dell’esplorazione.

Una delle basi ideali per itinerari molto tranquilli, con mare sempre calmo e venti delicati, è senza dubbio quella della compagnia di charter Moorings situata nella baia di Marsh Harbour nell’isola Great Abaco, una delle più settentrionali. La parte più interessante per la navigazione è compresa proprio tra Great Abaco e Little Abaco e chi ha più tempo a disposizione può spingersi verso nord fino alle Walker’s Cay. Non dimenticate di fare una passeggiata alla bellissima spiaggia di Great Guana Cay fino ai scogli di High Rocks. Sono tutte località adattissime per lo snorkeling lungo il reef.

Nella parte meridionale dell’isola di Grand Bahama, che ha per capitale Freeport, è particolarmente emozionante immergersi in mare aperto, tra delfini e coralli, appoggiandosi al super attrezzato centro di immersioni dell’Unexso (Underwater Exploration Society). Situato a Lucaya, nella parte interna di un canale navigabile collegato al mare aperto dove sorgono vari marina, l’Unexso è il più grande e moderno “diving center” del mondo e propone immersioni perfettamente organizzate. Sulla spiaggia degli alberghi di Grand Bahama si possono noleggiare windsurf e moto d’acqua, si può veleggiare su un catamarano o affidarsi a un paracadute facendosi trainare da una barca.

È doveroso nominare anche San Salvador, dove Cristoforo Colombo ed i suoi approdarono, il 12 ottobre 1492, avendo evidentemente seguito una rotta piuttosto alta, rispetto a quella che gli alisei consigliano ai navigatori attuali, che approdano abitualmente una decina di gradi più in basso, ad Antigua o a Guadalupe. Pensarono di essere giunti nelle Indie e si resero conto subito di trovarsi davanti a un paradiso terrestre, abitato da gente mite e ospitale. Oggi l’isoletta è solo un vanto storico, con un migliaio di abitanti, ma non certo una delle mete preferite dei turisti.

Le Bahamas sono anche le “Isole nella corrente” del grande Hemingway; qui si pescano il grande marlin e il pesce vela.

Ricordiamo anche che le Bahamas, soprattutto per gli americani, sono prima di tutto un paradiso fiscale, un grande duty free dove è possibile acquistare di tutto, senza essere oberati dalle tasse, insomma una Svizzera americana. Non per niente e anche per la vicinanza con gli Stati Uniti, qui le più grandi celebrità hanno costruito le loro lussuose dimore.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.