La giornata era cominciata bene. Meteo favorevole, mare calmo, motoscafo veloce. Per arrivare a Capri da Ischia non impiegammo più di 35 minuti. Nessuno dell’equipaggio – sei ragazzi tra i 20 e i 30 anni – poteva immaginare che quella magnifica domenica di metà luglio potesse trasformarsi in un incubo. Certo, il Super Florida non era giovanissimo, era uscito di produzione già da un pezzo ed io l’avevo appena acquistato usato. Contest 50 Avevo anche fissato un appuntamento in cantiere, a Napoli, per il giorno dopo, per sottoporre la carena a una revisione; mai avrei immaginato che le piccole infiltrazioni d’acqua riscontrate nelle prime uscite potessero trasformarsi nella maxi falla che ci risucchiò a fondo proprio il giorno prima dell’inizio dei lavori. Né mi allarmò più di tanto l’acqua imbarcata lungo la rotta d’andata: con la pompa di sentina la scaricai mentre eravamo all’àncora a goderci la giornata all’ombra dei Faraglioni. Quell’acqua, invece, rappresentava un chiaro avvertimento. Ma noi ragazzi, spensierati e scanzonati, non ci curammo del pericolo. Alle sei del pomeriggio, dunque, ripartimmo sereni per fare rientro a Ischia.

Leggi tutto l'articolo Abbonati

Per leggere l'articolo acquista un abbonamento a Nautica Online