Platu 25 – Lotta serrata a Palermo

Daniele Carnevali
Scritto da Daniele Carnevali

Inizia a Palermo la lunga discesa che porterà al Campionato del Mondo di Mondello a Settembre. A Palermo sono radunate tutte le imbarcazioni della Sicilia per un campionato, quello invernale, molto equilibrato e di livello molto alto organizzato dal Velaclub Palermo. Si stanno tutti preparando con cura e cominciano a vedersi i primi set di vele nuove che verranno testate e poi conservate per l’evento iridato.

Sabato, come da previsioni, il vento soffia forte. La flotta, al gran completo ad eccezione dei fortissimi catanesi di Jhaplin, si presenta sul campo di regata mentre spirano più di 25 nodi. Il vento soffia da terra ed il Comitato blocca la flotta in prossimità della spiaggia, in attesa che il vento diminuisca. Appena si stabilizza sui venti nodi, in pochissimi minuti si definisce il percorso e si dà inizio alle danze. Nonostante il vento forte i marcamenti sono asfissianti. Durante la prepartenza Alberto Wolleb su Brera Hotels non perde mai il contatto con Menef8 il cui timone è affidato all’Olimpionico Giuseppe Angilella. Sempre negli immediati paraggi Grande Evento di Luigi Ciaravino, Panza e Presenza timonata da Stefano Reina ed Isola del Vento di Francesco Di Lorenzo. Non si sceglie il lato migliore, ma si cerca di partire controllando i diretti avversari. Ne faranno le spese gli equipaggi che finiscono imbottigliati tra queste barche. Il vento soffia con insistenza, ma tutti portano il proprio mezzo al massimo. Tante barche si coricano per le straorze, ma tutte si rialzano e ripartono senza indugio senza neanche ammainare lo spinnaker. Planate avvincenti sotto raffica permettono di guadagnare in pochissimi secondi posizioni su posizioni. Dopo tre prove con vento sostenuto, Brera Hotels, Menef8 e Panza e Presenza tornano a terra con una vittoria a testa, segno di grande equilibrio.

Ci si attarda in banchina fino al buio per riordinare le barche in vista delle prove dell’indomani. Prova dopo prova, la flotta si sta livellando in alto e contano ora i particolari. Tutta l’attrezzatura deve essere in perfette condizioni pe

r poter eccellere in questo campionato equilibratissimo e non si può proprio lasciare nulla al caso.

La domenica si apre sorniona. Caldo, sole poca aria. Si attende in banchina che il Comitato chiami la flotta appena l’aria diventa stabile. Si parte con mezz’ora di ritardo. Il leit motiv è lo stesso. Grande controllo reciproco per evitare che qualche favorito possa sfuggire indisturbato. La flotta viaggia compatta verso la boa di bolina, poi il vento ruota di 90 gradi e comincia a scemare. Il Comitato ferma tutti e si va in attesa. Dopo un’ora si ripetono le condizioni del giorno prima. Vento da terra con punte di venti nodi. È lotta a due tra Brera Hotels e Menef8. Una vittoria a testa sancisce la capacità di queste barche di essere un gradino sopra il resto della flotta. Bene Isola del Vento sempre a ridosso dei battistrada.

Brera Hotels prende la testa alla classifica generale, seguita dalla costante Isola del Vento. Al terzo posto risale Menef8, assente nel precedente week-end di regate per una trasferta contemporanea della maggior parte del suo equipaggio in Oman. Si torna in acqua tra due settimane e si avrà subito la possibilità di un altro scarto. Menef8 tornerà sicuramente al posto che le compete.

sull'autore

Daniele Carnevali

Daniele Carnevali

Classe ’81, giornalista professionista approdato nella redazione di Nautica nel 2003. Appassionato di barche a vela e a motore, nel tempo libero si diletta a veleggiare a bordo del suo Fireball.

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.