SI È SPENTO A VIAREGGIO IL GRANDISSIMO VALENTIN MANKIN

SI È SPENTO A VIAREGGIO IL GRANDISSIMO VALENTIN MANKIN, LEGGENDA DELLA VELA INTERNAZIONALE (TRE MEDAGLIE D’ORO E UN ARGENTO IN QUATTRO EDIZIONI DELLE OLIMPIADI) E PER TANTI ANNI DIRETTORE TECNICO DELLA NAZIONALE ITALIANA DI VELA. FINO ALL’ULTIMO, È STATO UN PUNTO DI RIFERIMENTO PER TUTTI I VELISTI ITALIANI, A PARTIRE DAI PIÙ GIOVANI, CHE HANNO TROVATO IN LUI UNA GUIDA E UN MAESTRO D’ECCEZIONE, SEMPRE A DISPOSIZIONE CON LA SUA STRAORDINARIA COMPETENZA E DISPONIBILITÀ. Un lutto tremendo ha colpito tutta la vela italiana: Valentin Mankin, nato a Kiev il 19 agosto del 1938, si è spento nella notte a Viareggio dopo una lunga malattia. Lascia la moglie Rita, la figlia Irina e l’amato nipote Dimitri, e lascia un enorme vuoto in tutti gli appassionati italiani di vela, che hanno avuto modo di conoscerlo e di amarlo. Dopo aver vinto tutto il possibile da atleta – a partire da quattro medaglie olimpiche in quattro edizioni dei Giochi (oro a Città del Messico 1968 nel Finn, Monaco 1972 nel Tempest e Mosca 1980 nella Star, argento a Montreal 1976 nel Tempest) – Mankin all’inizio degli Anni ’90 si era stabilito in Italia, iniziando una proficua collaborazione con la Federazione Italiana Vela che lo aveva portato a ricoprire diversi ruoli, su tutti quello di Direttore Tecnico della Nazionale Italiana di Vela. Punto di riferimento per intere generazioni di velisti italiani, Valentin era un vero e proprio mito, una persona speciale, un atleta e un tecnico come non ce sono in circolazione. “Sono davvero molto addolorato, la scomparsa di Valentin Mankin è una perdita gravissima per tutta la vela italiana”, ha dichiarato il Presidente della FIV Carlo Croce. “Negli ultimi anni aveva ritrovato l’entusiasmo contribuendo in modo determinante ad organizzare l’attività del Centro Federale di Preparazione Olimpica di Campione del Garda, una grande opportunità per mettere a frutto la sua enorme esperienza e competenza. E’ stato un atleta, un allenatore e un uomo speciale. Ed era davvero molto legato a tutta la vela italiana: ci mancherà tantissimo”. Un dolore, quello del Presidente Croce, cui si unisce tutta la Federazione Italiana Vela, dal Consiglio alla Segreteria fino alla Direzione Tecnica, gli allenatori, i giudici e tutte le persone che in questi anni hanno avuto la fortuna di vivere la passione per la vela al fianco dell’immenso Valentin, una guida e una persona che ha dato tanto alla vela italiana. La FIV tutta è vicina alla moglie Rita e alla figlia Irina. Martedì alle ore 15 presso la Misericordia di Livorno si svolgerà una breve cerimonia di commiato in forma ristretta. Nei prossimi giorni, invece, si terrà una cerimonia funebre al largo di Livorno, in cui verranno disperse le ceneri di Valentin: al momento in cui saranno stabilite data e orario della suddetta, sarà nostra premura comunicarle.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.